·Fumo negli occhi·

#45anni (Di Andrew Haigh; con Charlotte Rampling, Tom Courtenay, Geraldine James. Genere: sentimentale, drammatico)

film

Potrebbe sembrare una celebrazione del matrimonio resistente a quasi mezzo secolo, con uno stile inglese all’insegna dell’understatement britannico, dei paesaggi brumosi e dei ritmi ovattati della campagna e del cottage di oltremanica. Il film, dove brilla una grande e bella attrice (Charlotte Rampling, che non ha bisogno della blefaroplastica per mantenere uno sguardo femminile e magnetico) contiene invece un messaggio amaro e disincantato e per certi versi una condanna. Nella vita placida dei due protagonisti, che si preparano a festeggiare in modo solenne con amici e parenti l’anniversario dei 45 anni insieme, irrompe una notizia venuta da lontano: il ritrovamento del corpo intonso (perché congelato in un ghiacciaio) di un antico amore di lui. Una donna caduta in un crepaccio più di 50 anni prima, durante un’escursione nelle Alpi svizzere. La notizia è deflagrante, fa emergere tutti i “non detti” di una relazione tranquilla ma forse troppo silenziosa, equilibrata ma con una passione razionata, gentile e confortevole ma dove l’amore assomigliava troppo all’affetto. A lei e’ bastata, ma a lui no, evidentemente: riemerge il suo animo “indomito”, e si trova a disagio sotto la coltre tranquillizzante di quel lungo matrimonio. Ma forse è proprio su queste basi che si deve fondare un lungo matrimonio? Sul “dimenticarci le cose che ci rendono felici”? Come se le mettessimo, necessariamente, da parte. Mettessimo da parte un po’ di noi stessi per adeguarci al guscio rasserenante, alle abitudini, alle sicurezze. In quel rapporto color pastello, il più appassionato è il cane, che ama in modo puro e assoluto la sua padrona, la segue, si preoccupa se la sente inquieta, la sente, la protegge, c’è. È un personaggio importante della storia, per contrasto con gli altri, con le relazioni umane. Una frase che mi ha colpito: “quando diventiamo vecchi smettiamo di fare scelte”. Una scena decisiva: l’ultima inquadratura di lei, amarissima perché consapevole di quanto quel festeggiamento sia un po’ fatto di cartone. Poi ci sono anche i Platters: smoke gets in your eyes. Appunto, il fumo negli occhi, al posto della fiamma d’amore.

Il trailer del film lo trovate qui



Articoli correlati

  • Sincerità?Novembre 22, 2015 Sincerità? #dobbiamoParlare (Di Sergio Rubini. Con Sergio Rubini, Isabella Ragonese, Fabrizio Bentivoglio, Maria Pia Calzone. Genere: commedia) Il film, con il suo titolo già di per sè […]
  • Che cos’è l’amorNovembre 8, 2015 Che cos’è l’amor #Alaska (Regia: Claudio Cupellini. Con Elio Germano, Astrid Berges-Frisbey, Valerio Binasco, Elena Radonicich, Antoine Oppenheim. Genere: Drammatico) Che cos'è l'amor. Due che si […]
  • I veri amiciNovembre 15, 2015 I veri amici #SnoopyAndFriends (Regia: Steve Martino; Sceneggiatura: Bryan Schultz; Genere: animazione, commedia, family) Scappo dalla cupezza di questo sabato dove non c'è pace né amore né forse […]
  • Il cerchio della vitaGennaio 22, 2017 Il cerchio della vita #arrival (Regia: Denis Villeneuve. Con: Amy Adams, Jeremy Renner, Forest Whitaker, Michael STuhlbarg, Tzi Ma, Mark O'Brien. Genere: Fantascienza) Questi sono giorni di ghiaccio. Di […]