·Fira, pronte le dimissioni·

Pronte le dimissioni in blocco: il presidente della Fira le ha già preparate una settimana fa, e con lui tutto il cda. E non fa niente che Alessandro Felizzi sia il commercialista di Luciano D’Alfonso, lo strappo si è consumato e non c’è amicizia che tenga: la  Finanziaria regionale abruzzese non diventerà più società in house providing della Regione Abruzzo. L’obiettivo per cui Felizzi e i suoi stanno lavorando da più di un anno si è arenato ormai per sempre e la Finanziaria sembra così condannata a restare con le braccia conserte, senza concorsi, senza bandi, senza lavoro.

Il  presidente Fira, Alessandro Felizzi

Nessuna comunicazione ufficiale ma tante mezze parole. Il governatore abruzzese non l’ha mai detto chiaro e tondo ma lo ha fatto capire in mille modi, l’ultima volta il 24 maggio a un convegno organizzato proprio dalla finanziaria abruzzese:

“Anche voi dovete accettare la sfida per diventare 4.0, con la consapevolezza che non ci sono autosostenitori per la sopravvivenza”.

Niente soldi, niente sostegno ne’ Regione pronta ad aprire i cordoni della borsa, dice in pratica D’Alfonso. E il momento della verità non tarderà: tra una settimana l’assemblea dei soci dovrà dire senza troppi giri di parole quale sarà il destino di Fira. Che nel frattempo ha già applicato i famosi piani di solidarietà ai dipendenti, costretti a sopportare il peso di un bilancio in pesante sofferenza da quando non si fanno più bandi e sono stati azzerati affitti e consulenze.

Luciano D’Alfonso

Ma perchè questo brusco dietro-front? La trasformazione di Fira in società in house era pronta da parecchio tempo e l’indicazione di Felizzi, uomo di fiducia del presidente, ex revisore dei conti della Saga, vice presidente della Valle della Pescara e consulente di Abruzzo sviluppo, doveva servire proprio a questo scopo.  Alla fine D’Alfonso ci ha ripensato. E non solo perchè in questi giorni, con Abruzzo engineering ridotto in quello stato, costituire una nuova società in house non rappresenterebbe certo una buona scelta dal punto di vista dell’immagine. No, non solo: c’è anche un altro più importante motivo e si chiama Abruzzo sviluppo. E’ la società partecipata dalla Regione, alla quale D’Alfonso sta consegnando, pezzo dopo pezzo, tutto ma proprio tutto, dai bandi Ipa all’assistenza tecnica alla progettazione e alla gestione e rendicontazione dei fondi strutturali europei, che ora dovrebbe assorbire anche le competenze Fira.

De Monte, presidente di As e D’Alessandro

Un passaggio che sta molto a cuore al governatore e al suo fedelissimo Camillo D’Alessandro.
ps: la Fira non gestirà più nulla, l’astro nascente in questo ambito sarà Abruzzo sviluppo. Chissà perchè nessuno spiega come e perchè.





Articoli correlati

  • Un Micucci per tutte le stagioniSettembre 8, 2015 Un Micucci per tutte le stagioni Il cda Fira scade, il presidente Rocco Micucci nominato in era Chiodi e quindi centrodestra deve liberare la poltrona. Non sia mai detto: Micucci e' uomo di destra, e che destra (in quota […]
  • La Fira taglia tutto: morte annunciataGiugno 9, 2017 La Fira taglia tutto: morte annunciata Tagli del sessanta per cento ai compensi del Cda, contratti di solidarietà ai dipendenti a partire da settembre. Riduzione di affitti, consulenze, benefit: è pronta a chiudere i battenti […]
  • L’aria che FiraMarzo 15, 2016 L’aria che Fira Ma quanta enfasi. E quanta soddisfazione. Ieri il presidente della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso ha annunciato con squilli di trombe e fanfare le nomine del nuovo cda della Fira, la […]
  • Prendi il bando e scappaNovembre 24, 2015 Prendi il bando e scappa Avviene tutto nel giro di pochi giorni. Con due atti uno dietro l'altro la Regione Abruzzo revoca l'incarico al Formez e mette il pacchetto nelle mani di Abruzzo sviluppo. Niente gare, […]