·Feste, fiere & manifesti: elezioni, pronti via·

Non si sa ancora quando si voterà in Abruzzo: lunedì il vice presidente della Regione Giovanni Lolli si è limitato ad annunciare di aver scritto alla presidente della Corte d’Appello Fabrizia Francabandera, tornata lunedì dalle ferie, per fissare un incontro che servirà a stabilire la data delle elezioni. Nel frattempo ci si attrezza. L’unica cosa certa è la data di due feste: quella convocata da tempo dall’ormai ex presidente e ora senatore Luciano D’Alfonso (che in questi giorni ha incassato l’archiviazione dell’inchiesta di Palazzo Centi), per il 7 settembre non più all’Aurum ma nella sua Lettomanoppello (piazza più facile da controllare) dove ha organizzato un catering per mille persone; e la controfesta organizzata dalle liste civiche, stessa data ma questa sì all’Aurum e intitolata appunto “Finalmente si è dimesso: la festa la facciamo noi” alle 18.45.

Tutti si scaldano i muscoli per il prossimo appuntamento elettorale. In questi giorni sono apparsi manifesti per le strade di Pescara e nella provincia che hanno destato la curiosità dei cittadini: “E mò? Tu e noi insieme per l’Abruzzo” e niente più, solo qualche altro slogan sparso qua e là nel manifesto, tipo “Democrazia e partecipazione” e “Esperienza e concretezza”. E’ partita subito la caccia all’autore, ma non c’è voluto molto per svelarlo: dietro la sigla “E mo’” c’è il nuovo movimento civico di Donato Di Matteo e Andrea Gerosolimo, lista civica che punta al 10 per cento alle prossime regionali, e non è detto che non mantengano la promessa (o la minaccia), visto che al momento non si sa ancora se Di Matteo & Gero si schiereranno col centrosinistra o col centrodestra.

Anche il Pd, nonostante tutto, si prepara: no, la direzione o l’assemblea sulla quale si erano scornati su Facebook Michele Fina e Camillo D’Alessandro per ora non si farà, non è stata convocata. Non sono pronti, non hanno deciso di che morte morirà Marco Rapino e il prossimo segretario designato Renzo Di Sabatino non ha ancora sciolto la riserva e neppure Giovanni Legnini, quindi tutto rinviato.

Ma oggi all’Aquila da Nicola Zingaretti si presenteranno in tantissimi. Renziani pentiti in cerca di un nuovo leader: pare che tra i riciclandi moltissimi sono pronti a fare il salto della quaglia. Stefania Pezzopane per esempio, che però già da tempo aveva dato l’addio a Renzi, è una delle più attive nel diramare gli inviti.

ps: Si festeggia, ci si attrezza, si cambiano cavalli, si attaccano manifesti, ma non si sa ancora quando si voterà.




Articoli correlati

  • Vengo dopo il Pd4 Gennaio 2018 Vengo dopo il Pd Che sia un momentaccio per il Pd l’hanno capito pure le pietre. Ma il disastroso crollo nei sondaggi ora in Abruzzo rischia di diventare un tracollo bello e buono. Tutto fermo, tutto […]
  • Dalfy affonda il Pd6 Marzo 2018 Dalfy affonda il Pd Segni particolari: scompaiono dalla bacheca Facebook la foto del voto di domenica, lui in completo blu in posa con gli scrutatori, e prima volta nella storia social del governatore, […]
  • Pd, Partito D’Alfonso27 Gennaio 2018 Pd, Partito D’Alfonso Poi, nella notte un po’ di cose sono cambiate. Anzi, all’alba di questa mattina come in ogni conclave che si rispetti, qualcuno entrato papa è uscito cardinale. E non c’entrano gli […]
  • Dalfy al Senato col paracadute11 Gennaio 2018 Dalfy al Senato col paracadute Dalfy si candiderà capolista al Senato nel Proporzionale. Ma se non dovesse ottenere un incarico di governo (ministro o sottosegretario), sempre che vinca il centrosinistra (possibilità […]