·Esclusi per turpiloquio·

Ed eccoli i candidati Cinquestelle al Parlamento. Una lista di nomi, ai quali sono affiancati dei supplenti (in caso di indisponibilità o di problemi che dovessero subentrare di qui al 4 marzo) abbastanza noti. Poche novità e molte amarezze anche se ieri finalmente sul blog sono stati spiegati i motivi che hanno portato alle esclusioni, alcune anche molto illustri. No al turpiloquio, lealtà e correttezza nei confronti degli altri iscritti, comportamenti eticamente ineccepibili: sono questi i parametri utilizzati dai vertici del Movimento 5 Stelle.

Di Maio e Pettinari Ombrellini Cinquestelle

“Alcuni si sono lamentati dell’esclusione dalle liste, è vero – si legge sul blog – È stato fatto per tutelare al massimo il MoVimento 5 Stelle. Per esempio anche il turpiloquio nei confronti degli avversari politici a mezzo social è stato considerato ostativo ai fini della candidatura. Inoltre era richiesto ai sensi dello Statuto e del Codice Etico di astenersi da comportamenti che possano pregiudicare l’immagine o l’azione politica del MoVimento 5 Stelle e attenersi a criteri di lealtà e correttezza nei confronti degli altri iscritti, di mantenere comportamenti eticamente ineccepibili, anche a prescindere dalla rilevanza penale degli stessi. Stare nel Movimento 5 Stelle d’altronde non è finalizzato alla Candidatura”.

Insomma, per un movimento che è partito con il famoso “Vaffa-day”, questi motivi appaiono abbastanza pretestuosi, e molti epurati non li hanno proprio digeriti: scuse, arrampicata sugli specchi, dicono. Ma insomma, è sempre più probabile che i veri motivi resteranno misteriosi.

Un momento della convention all’Aurum

Ecco i nomi dei candidati ai plurinominali.

Camera dei deputati:

Gianluca Vacca, Daniela Torto, Andrea Colletti, Sara Stenta,
Valentina Corneli, Fabio Berardini, Carmela Tomassetti, Giorgio Fedele.

Supplenti: Daniele Del Grosso, Valentina Matilde Di Michele,  Gianni Smarrelli, Manuela Capitanio, Virginia Maloni, Angelo Bisegna, Daniela Proietti, Mauro Di Crescenzo.

Di Battista ieri a Pescara

Senato:

Gianluca Castaldi, Gabriella Di Girolamo, Stefano Murgo, Cinzia D’Eramo.

Supplenti:

Massimo Di Renzo,  Barbara Benucci, Raffaello La Cioppa, Fiorella Speranza.




Articoli correlati

  • Elezioni, pillole indigesteGennaio 30, 2018 Elezioni, pillole indigeste E i 5 stelle candidano l’ammiraglio Pd E’ successo di tutto nelle ultimissime ore prima della presentazione delle liste. Ma l’inciampo più comico si è verificato in casa Cinquestelle, […]
  • Dalfy affonda il PdMarzo 6, 2018 Dalfy affonda il Pd Segni particolari: scompaiono dalla bacheca Facebook la foto del voto di domenica, lui in completo blu in posa con gli scrutatori, e prima volta nella storia social del governatore, […]
  • Dalfy al Senato col paracaduteGennaio 11, 2018 Dalfy al Senato col paracadute Dalfy si candiderà capolista al Senato nel Proporzionale. Ma se non dovesse ottenere un incarico di governo (ministro o sottosegretario), sempre che vinca il centrosinistra (possibilità […]
  • La vita di un uomo vale 5 mila euroLuglio 17, 2018 La vita di un uomo vale 5 mila euro Vale cinquemila euro la vita di un uomo, di un familiare, di un figlio, di un papà o di una mamma, vale cinquemila euro la vita di uno studente che ha perso la vita all’Aquila, perché è lì […]