·Elezioni, veti e silenzi·

In alto mare. Il centrodestra non ha ancora un candidato alla presidenza della Regione, nonostante la fuga in avanti di Marco Marsilio che per convincere tutti (e forse anche Giorgia Meloni) a puntare ufficialmente su di lui, ieri durante la convention di Fratelli d’Italia, ha annunciato le sue dimissioni da senatore. Ma nessuno da Roma lo ha ancora incoronato. 

Marco Marsilio
La convention di Fratelli d’Italia

Il tavolo a tre (Berlusconi, Savini e Meloni) non si fa, e forse non si fa proprio perché il ministro dell’Interno vuole evitare di decidere: al momento deve portare a casa a tutti i costi la manovra di bilancio e prima di mercoledì non se ne parla. Quindi gli servono voti, persino il voto di Marsilio: la parola d’ordine quindi è  aspettare e tenere tutti buoni, ancora per un po’. 

Non decide Salvini, che diserta anche il tavolo per indicare il candidato alle elezioni suppletive della Sardegna, sulle quali  la Meloni ha alzato la voce e lanciato un avvertimento: Fratelli d’Italia è pronta a rompere col centrodestra. Insomma, alle Suppletive del 20 gennaio, con le quali il collegio di Cagliari sceglierà il sostituto di Andrea Mura alla Camera (e la scelta del centrodestra è ricaduta su Forza Italia), la triade non ha ancora preso una decisione ufficiale. Di fatto la Meloni vuole prima la decisione sulle Regionali e il sì a Marsilio e dopo, soltanto dopo, parlerà di Sardegna. Ma Salvini glissa, e in fondo a lui starebbe bene che nell’isola vincessero i Cinquestelle, che sono  pur sempre alleati di governo mentre un parlamentare di Forza Italia significherebbe opposizione certa e un voto contrario. Quindi nessuna fretta.

Salvini e Bellachioma

L’Abruzzo naturalmente ne fa le spese. E d’altronde il motivo per cui il centrodestra non si mette ancora d’accordo sul nome del candidato presidente in Abruzzo, potrebbe essere lo stesso:  la Lega non vuole pestare i piedi ai Cinquestelle e proprio sabato, nella riunione organizzativa che si è tenuta a Dragonara con tutti i candidati alle Regionali, la raccomandazione fatta a tutti è stata quella di non parlare, di mantenere un profilo basso, di non cominciare la campagna elettorale. Silenzio insomma. Una consegna che sembra avvalorare la notizia che è corsa nelle ultime ore, e cioè che la Lega sarebbe pronta a correre da sola in Abruzzo, proprio per non intralciare la candidata pentastellata Sara Marcozzi

Sara Marcozzi

In questo scenario la soluzione più probabile e che toglierebbe d’impaccio Salvini, sarebbe lo slittamento delle elezioni a maggio, come chiedono i sindaci abruzzesi. E questo darebbe modo al leader della Lega anche di verificare se ci sono le condizioni, così come si dice da qualche giorno, di rompere l’alleanza di governo e andare a votare a marzo, come ha ipotizzato Repubblica.

Giovanni Legnini

Uno schema di totale incertezza che potrebbe avvantaggiare il candidato del centrosinistra Giovanni Legnini, che in queste ore sta continuando a tessere la tela per le prossime Regionali: con lui, e con la lista del presidente composta da esponenti del mondo delle professioni, della sanità, della società civile, delle categorie produttive (e che strizza l’occhio ad ampi settori liberal), dovrebbero correre varie liste civiche tra le quali una, chiamata “Democratici e popolari”, la cui regia e’ di Licio Di Biase, nella quale saranno candidati l’ex sindaco di Montesilvano Renzo Gallerati (che si è riservato la risposta), e l’ex parlamentare pd Vittoria D’Incecco (uno schieramento che avrebbe il sostegno della Conferenza episcopale, a condizione che ci siano nomi autorevoli), una lista dei sindaci (espressione dei vari territori), una lista di Sinistra (nella quale, con Leu, correrebbero ex assessori della giunta uscente di Luciano D’Alfonso come Marinella Sclocco e Mario Mazzocca, nomi che fanno storcere il naso a molti elettori di sinistra), una lista del Pd (candidati certi i teramani Dino Pepe, Sandro Mariani, Luciano Monticelli, il teatino Silvio Paolucci), la lista civica di Daniele Toto nella quale potrebbe confluire Donato Di Matteo che nel frattempo ha rotto con Andrea Gerosolimo andato con l’Udc e quindi col centrodestra.

Renzo Gallerati

Vittoria D’Incecco

Nella lista Di Matteo-Toto dovrebbe essere candidato anche l’ex assessore comunale Giuliano Diodati, fino all’ultimo indeciso se candidarsi con Forza Italia e che correrebbe in una lista diversa da quella della cognata Vittoria D’Incecco. In ogni lista, Legnini si sarebbe riservato un posto per un suo candidato “non politico” e anche il diritto di porre veti di ordine etico.

ps: Un veto che dovrebbe valere per la candidatura nella lista Pd di Antonio Di Marco, ex presidente della Provincia di Pescara indagato per la tragedia di Rigopiano, fortemente sponsorizzato da Luciano D’Alfonso




Articoli correlati

  • Legnini, per il momento è noOttobre 19, 2018 Legnini, per il momento è no Né oggi, né a breve. Giovanni Legnini non sembra per niente intenzionato a sciogliere la prognosi: la sua presenza oggi all’Aquila a un convegno sulla ricostruzione non chiarirà le reali […]
  • Swg, una partita apertaGennaio 26, 2019 Swg, una partita aperta Eccolo il sondaggio Swg commissionato da Fratelli d’Italia e realizzato su un campione di 1000 cittadini maggiorenni. Le interviste sono state fatte dal 21 al 24 gennaio. […]
  • Lega mangia i 5 stelleFebbraio 12, 2019 Lega mangia i 5 stelle Un test importante, quello dell’Abruzzo. Non solo per la regione ma per il Paese intero e il governo nazionale. Ecco perché tutti i riflettori erano puntati qui ed ecco cosa emerge dal […]
  • Giorgia pigliatuttoDicembre 14, 2017 Giorgia pigliatutto Forza Italia comincia a preoccuparsi: lo smottamento politico è nell’aria, le premesse ci sono tutte. E non solo e non tanto perché GuerinoTesta, ex candidato Forza Italia ex “Pescara in […]