·Elezioni, la data non è giusta·

No, il 10 febbraio non è la data giusta. Anche il costituzionalista Enzo Di Salvatore sostiene che indire le elezioni in Abruzzo per quella data rappresenta una violazione di legge. 

Enzo Di Salvatore

“Singolare che il decreto di indizione delle elezioni citi una serie di atti normativi e dimentichi, invece, di citare la legge dello Stato. La legge n. 111 del 2011, infatti, stabilisce una regola chiarissima: se nello stesso anno si vota sia per le elezioni del Consiglio regionale sia per le elezioni del Parlamento europeo, le elezioni per il Consiglio regionale devono tenersi nella stessa data fissata per le elezioni del Parlamento europeo, ossia il 26 maggio 2019”.

Lo stabilisce la legge, e non si può ignorarla, insiste Di Salvatore. E non c’entra niente che il Consiglio sia stato sciolto anticipatamente nel 2018. Cavalcano invece l’onda della viabilità, delle condizioni climatiche e delle difficoltà che si creerebbero per i cittadini dell’Abruzzo interno, i sindaci di centrodestra, ma non solo, che stanno raccogliendo le firme da inviare al Ministro dell’Interno, per chiedere ancora una volta, di spostare le elezioni a primavera.

Giovanni Lolli

 L’obiezione dello scioglimento anticipato del Consiglio, per Di Salvatore, è infondata.

“Quella regola è stata introdotta dal Parlamento per esigenze di contenimento della spesa pubblica: se si andasse al voto in una unica data i cittadini risparmierebbero diversi milioni di euro. Rispetto a questa regola – che coniuga due esigenze: la particolarità del caso abruzzese e il contenimento della spesa pubblica – la Regione Abruzzo avrebbe avuto dinanzi a sé un’unica alternativa: fissare la data delle elezioni nel 2018 oppure fissare la data nello stesso giorno delle elezioni europee, e cioè il 26 maggio 2019. L’unica cosa che non avrebbe potuto fare è quello che poi ha fatto: scegliere una data a piacimento nel 2019. Questo la legge non lo consente. Per questa ragione il decreto è sospetto di illegittimità e può essere impugnato per violazione di legge davanti al giudice amministrativo. In questo caso, essendo scaduti i 60 giorni per impugnarlo davanti al TAR, esso può essere ancora impugnato con un ricorso dinanzi al Consiglio di Stato (“ricorso straordinario al Presidente della Repubblica”).”.

Ma è davvero questione di giorni: prima di Natale scadranno i termini, entro quella data si darà l’avvio alla campagna elettorale e alla raccolta delle firme. Quindi per capire se davvero Salvini abbia intenzione di spostare le elezioni al 26 maggio, per farle coincidere con le Europee, bisognerà aspettare ancora qualche giorno.





Articoli correlati

  • Giunta, ultima chiamataFebbraio 19, 2019 Giunta, ultima chiamata Qui non si tratta di litigare per le poltrone, ma quando mai. Si tratta di rispetto, rispetto per il voto degli abruzzesi. Così parlò Giuseppe Bellachioma, il capo indiscusso della Lega […]
  • Biondi scalpita: grandi manovre a destraOttobre 2, 2018 Biondi scalpita: grandi manovre a destra A tutti i costi. Scalpita tanto, tantissimo il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, completamente indifferente a chi gli dice che non è proprio corretto, che non sta bene, che non si fa, […]
  • Bestiario elettoraleGennaio 18, 2018 Bestiario elettorale Fanno un brutto effetto le elezioni. Bruttissimo. I primi segni si cominciano già a manifestare e i social sono pieni di idiozie preelettorali. I candidati, o i candidabili, sono in testa […]
  • Novembre 20, 2018 Leghisti contro il “generale” Bellachioma Basta espulsioni via WhatsApp, basta veti, basta chiusure: e adesso al centrodestra in ansia da prestazione ci mancava pure la spaccatura della Lega. E’ un vero e proprio ultimatum quello […]