·Di Matteo va alla guerra·

Un assaggio di quello che sarà. Luciano D’Alfonso non ha più una maggioranza, il centrosinistra è in libera uscita e ieri si è visto: i tre ribelli fanno sul serio. Non scherzano, proprio per niente. In Consiglio regionale all’Aquila l’assessore Pd Donato Di Matteo, reduce da due anni di bocconi amari, ha preso coraggio ed è scoppiato: in aula ha sparigliato i giochi e ha fatto un contropiede memorabile al consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci, bloccando il suo progetto di legge sulla montagna e facendolo rispedire in commissione. E la mattina, in giunta regionale, un altro scontro: il presidente della Regione Abruzzo D’Alfonso ha tentato di prendere di petto due dei tre ribelli, gli assessori Andrea Gerosolimo e lo stesso Di Matteo, che gli hanno però risposto picche.

D'Alfonso e Di Matteo

D’Alfonso e Di Matteo

Il problema è politico, e non va affrontato davanti agli altri assessori, semmai in una riunione di maggioranza o soltanto con loro tre. La lettera parla chiaro: gestione accentratrice e verticistica del governatore, nessun coinvolgimento di consiglieri e assessori, insomma il presidentissimo facciotuttoio a loro non gli sta più bene, proprio per niente.

Pierpaolo Pietrucci

Pierpaolo Pietrucci

E il pressing sui tre ribelli di D’Alfonso, che ieri ha pubblicato le foto sue e di Gerosolimo a Roma, anche allo scopo di insinuare una ricucitura, finora non ha sortito effetti: il presidente non è riuscito a sparigliare il gruppo, nonostante abbia tentato l’impossibile. Gero non può per la seconda volta rimetterci la faccia venendo a patti con Dalfy (dopo averlo fatto lo scorso anno, quando ottenne il rimpasto e la poltrona da assessore), Olivieri va facendo mostra di tenere duro nonostante gli siano arrivate blandizie di ogni sorta e Di Matteo ieri ha fornito un assaggio di quello che verrà. Ai suoi fedelissimi l’assessore ha detto che lui andrà avanti, e che certo al punto in cui stanno le cose non accadrà che qualcuno torni sui propri passi in cambio di una delega o di una poltrona. Quindi D’Alfonso è inutile che si affatichi.

D'Alfonso con Gerosolimo da De Vincenti

D’Alfonso con Gerosolimo da De Vincenti

I tre stanno preparando una piattaforma programmatica da sottoporre a Dalfy, e su quella si giocheranno la loro partita.
E ieri Di Matteo, nel pieno dei lavori del Consiglio regionale, si è scatenato contro Pietrucci che aveva chiesto che venisse inserito all’ordine del giorno del Consiglio il suo progetto di legge sulla “Rete escursionisti, sentieristica, alpinisti, speleologica, torrentistica Abruzzo per lo sviluppo delle zone montane”.

IMG_3955

“Sono dispiaciuto perché sono assessore con delega alla Montagna e non sapevo nulla di questa iniziativa che, quindi, non è condivisa dalla maggioranza ma è estemporanea, avviata dalla presunzione di chi pensa di poter fare tutto”, ha tuonato Di Matteo chiamando Pietrucci “giovanotto”.

E Pietrucci ha risposto per le rime: ha accusato l’assessore di essere un pozzangherista (tipico termine dalfonsiano) e di censurare l’attività legislativa dei consiglieri regionali, “se ci sono problemi in maggioranza, se ne discuta in altra sede, qui si lavora per gli interessi degli abruzzesi”. Ma per tutta risposta Di Matteo si è alzato e se n’è andato.
A dare manforte è arrivato poi Olivieri, il terzo ribelle, che ha denunciato i ripetuti tentativi di D’Alfonso di dividerli e convincerli a tornare nei ranghi:

“Il presidente ha parlato con noi singolarmente. A noi interessa che ci convochi in tre per parlare delle cose che non vanno, stiamo aspettando una sua chiamata. Se non lo fa, faremo le nostre valutazioni”.

Gerosolimo e Olivieri

Gerosolimo e Olivieri

E tanto per dimostrare che non scherza, ha abbandonato l’aula a lavori appena iniziati, facendo mancare il sostegno alla maggioranza perché, ha detto,

“D’Alfonso si sottrae al confronto su un disagio molto grave che riscontrano tutti, ma che solo noi abbiamo il coraggio di denunciare: il grande accentramento di potere nelle sue mani, che lascia noi consiglieri senza impegno politico, senza la possibilità di esprimere il nostro ruolo”.

ps: ore contate per la maggioranza. Perchè anche se hai uno stuolo di yesman intorno e ti capita però uno che ha poco o nulla da perdere, un altro che ha capito che i Dalfy passano e lui resta, e un terzo che punta tutto sul jolly, allora rischi di essere spacciato per davvero.




Articoli correlati

  • Ecco il documento salva-Dalfy29 Dicembre 2016 Ecco il documento salva-Dalfy Eccolo qui il documento della pace, quello che ha spianato la strada a D’Alfonso e a Paolucci per l’approvazione del bilancio della Regione Abruzzo e che ha fatto rientrare la crisetta […]
  • Tutti appesi a D’Ignazio15 Novembre 2016 Tutti appesi a D’Ignazio In mezzo al guado. I tre ribelli si trovano adesso di fronte a una scelta che non è per niente facile: innanzitutto perché la saldatura tra il presidente della Regione Luciano D’Alfonso […]
  • I guastafeste10 Novembre 2016 I guastafeste E alla fine se proprio deve essere crisi, almeno rinviatela, diamine. L’ultima preghiera rivolta dal presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso ai tre ribelli quando ha capito che […]
  • Fronda continua19 Ottobre 2016 Fronda continua L’accordo a tre regge. Almeno per il momento. Il fronte dei ribelli costituito dagli assessori della Regione Abruzzo Andrea Gerosolimo e Donato Di Matteo e dal presidente della Commissione […]