·Dezio prorogato, nomina bipartisan·

Pochi giorni dopo le elezioni gli prorogano il contratto. E per farlo cambiano addirittura il regolamento degli Uffici. La delibera viene approvata in giunta, assente solo Gianni Teodoro e vede tutti d’accordo. Quei tutti sono già scaduti dall’incarico, le elezioni al Comune di Pescara si sono celebrate quattro giorni prima e presto si insedierà il nuovo sindaco di centrodestra. Eppure nessuno dice a. Neppure quelli dell’opposizione che nel frattempo sono diventati maggioranza: è più che un’ipotesi a questo punto che su quella modifica abbiano chiuso un occhio. Il provvedimento, dicono i bene informati, è stato concordato, altrimenti non si spiegherebbe. 

Così il 30 maggio scorso la giunta Alessandrini mette il timbro sulla proroga del contratto da direttore generale di Guido Dezio, che da braccio destro di Luciano D’Alfonso pare stia navigando tranquillo anche nelle nuove acque del centrodestra. Lo fa modificando la delibera 974 del 20 dicembre del 2012, approvata dalla ex giunta Mascia, che prevedeva per le funzioni di direzione una durata uguale a quella del sindaco in carica. L’articolo 27 stabiliva espressamente che “l’attribuzione delle funzioni di direzione ai dirigenti a tempo indeterminato è assegnata, per un periodo non inferiore a tre anni, salvo rinnovo espresso, e comunque per non più di cinque anni. Per i dirigenti a tempo determinato sarà il Sindaco a stabilire la durata dell’attribuzione delle funzioni di direzione. L’incarico, comunque cesserà in conseguenza del verificarsi di qualunque causa di cessazione dalla carica di Sindaco, permanendo fino all’insediamento ufficiale del nuovo Sindaco…”.

Marco Alessandrini

 Invece ora Dezio, che è dirigente di ruolo a tempo indeterminato quindi, resterà in carica per altri 45 giorni. Ufficialmente, secondo la delibera approvata a fine maggio, per garantire la “continuità ed efficienza dei servizi” e “la continuità dell’azione amministrativa e la piena operatività delle attività organizzative dell’ente anche in relazione alle funzioni attribuite al direttore generale”. Sicuramente per garantirgli un ponte che poi potrà tranquillamente diventare definitivo.

Un provvedimento a forte impatto bipartisan: il centrosinistra passa la mano al centrodestra ma in fondo i dirigenti restano.

ps: Accade alla Regione Abruzzo, dove resta in sella come direttore generale persino Vincenzo Rivera nonostante la Corte d’Appello abbia stabilito che non ha i titoli per farlo, accade al Comune di Pescara. Perché stupirsi.





Articoli correlati

  • Museo delle risseGennaio 22, 2016 Museo delle risse Hanno fatto lo stravedere per uno strapuntino. Si sono divisi, spaccati, contati, hanno messo sul tavolo quote cariche onori e disonori. E alla fine non ci sono riusciti: i rappresentanti […]
  • Alla fiera dell’exAprile 17, 2016 Alla fiera dell’ex O menomale. Per ritrovare il sorriso (e per riempire una sala che altrimenti sarebbe rimasta desolatamente vuota), hanno capito che devono tornare a puntare sul tacco 12. Come ai bei […]
  • La piscina sullo strettoOttobre 5, 2016 La piscina sullo stretto Lo spolvero delle grandi occasioni, giornalisti cameraman follower e supporter, tutti convocati. All’inaugurazione della piscina provinciale di Pescara domenica scorsa c’erano […]
  • City, caccia alle tangentiOttobre 1, 2015 City, caccia alle tangenti E adesso c'è un sospetto: le tangenti. Non c'è solo l'abuso nell'inchiesta sulla City. La procura di Pescara affonda il coltello, e dalle indagini di fine estate gli agenti della squadra […]