·Del Turco e Mazzocca, condanne annullate·

Ci sarà un nuovo processo per l’ex governatore abruzzese Ottaviano Del Turco: la quarta sezione penale della Cassazione ha annullato con rinvio ai giudici di Perugia la sua condanna relativamente all’accusa più pesante: l’associazione a delinquere. Annullate con rinvio anche le condanne di Camillo Cesarone e Lamberto Quarta. Annullata senza rinvio invece la condanna per l’ex assessore alla Sanità Bernardo Mazzocca, che dall’inchiesta sulla Sanità non era mai stato scalfito dall’accusa di aver preso denaro.

Ottaviano Del Turco

Ottaviano Del Turco

Una vittoria, sia pure a metà, per gli imputati della Sanitopoli abruzzese. Tutta da riscrivere la sentenza di secondo grado emessa dalla Corte d’Appello dell’Aquila il 20 novembre del 2015.
La Corte di Cassazione ha però confermato le altre imputazioni, relative alle pressioni che l’ex governatore avrebbe esercitato sull’imprenditore della sanità Vincenzo Angelini per ottenere denaro che però non è mai stato ritrovato.
I magistrati umbri dovranno a questo punto rideterminare le pene per Del Turco (che in appello era stato condannato a 4 anni e due mesi) il cui legale, Giandomenico Caiazza, durante l’udienza di ieri, ha sottolineato come le accuse siano state mosse da un

“bancarottiere seriale condannato a più di 20 anni di reclusione per una distrazione di fondi pari a 105 milioni di euro”.

Bernardo Mazzocca

Bernardo Mazzocca

La Cassazione ha dichiarato inammissibile il ricorso di Pierluigi Cosenza, ex responsabile delle commissioni ispettive permanenti istituite dalla Regione, contro la prescrizione. Sono state inoltre annullate senza rinvio le condanne per Ennio Marcello Boschetti e Luigi Conga per via della prescrizione. Per gli altri capi di imputazione invece, le posizioni di Conga e Mazzocca dovranno essere rivalutate dalla Corte di Appello di Perugia per la rideteriminazione delle pene. Sono state annullate le condanne al risarcimento delle parti civili a carico di Sabatino Aracu, ed é stato rigettato il ricorso di Angelo Bucciarelli.
L’inchiesta sulla sanità abruzzese portò alla caduta della giunta di centrosinistra il 14 luglio luglio del 2008 col clamoroso arresto di Del Turco, allora governatore dell’Abruzzo, e di altre nove persone, tra cui assessori e consiglieri regionali, in seguito alle rivelazioni dell’ex patron della clinica Villa Pini di Chieti, Vincenzo Angelini, che in appello fu assolto. Del Turco passò 28 giorni in carcere a Sulmona.





Articoli correlati

  • Del Turco, le sorprese dell’appelloNovembre 21, 2015 Del Turco, le sorprese dell’appello Quel giorno Nicola Trifuoggi era stato chiaro: <Bernardo Mazzocca, l'assessore regionale alla Sanità, non ha preso soldi>. L'unico lì in mezzo, fece capire il procuratore […]
  • Angelini l’insolventeFebbraio 9, 2017 Angelini l’insolvente C’è anche la Novafin Spa, da poco fallita, appartenente a Vincenzo Angelini, l'ex  re delle cliniche abruzzesi, il grande accusatore dell’ex presidente della Regione Abruzzo, Ottaviano Del […]
  • L’uomo del ponte ha detto sìOttobre 12, 2015 L’uomo del ponte ha detto sì Ecco chi è Adriano Canonico, l'ingegnere incaricato dal Comune di Pescara di progettare il ponte del cielo (che come sappiamo, è la copia sputata dell'Infinite bridge realizzato in […]
  • Amato, quanta amarezzaNovembre 22, 2015 Amato, quanta amarezza Non ci ha pensato un minuto di più, Angelo Bucciarelli, il politico più colpito dalla sentenza Sanitopoli, lui che in primo grado era stato assolto e ora si ritrova una condanna a due […]