·De Matteis, figuraccia web·

“Mi libero da questa rottura di palle e arrivo”: il consigliere comunale dell’Aquila di Forza Italia Giorgio De Matteis inciampa in una figuraccia in diretta web di quelle colossali (il video in fondo all’articolo).

C’è il consiglio comunale all’Aquila, e da quando è iniziato il lockdown l’assemblea si riunisce sulla piattaforma zoom: sullo schermo appaiono il presidente Tinari (quello che aveva messo il like agli insulti sessisti nei confronti della segretaria Pd), poi i consiglieri Cimoroni e Rocci. De Matteis non si accorge che il collegamento è già iniziato e se ne esce con questa battuta infelice: “Mo vengo sotto a vedè dottò, mi libero di ‘sta rottura di palle e arrivo”. Tinari tenta di avvertirlo, Giorgio guarda che ha il microfono acceso, ma ormai il danno è fatto. 

Niente, figuraccia macroscopica. Il video fa il giro dei siti, impazza su Facebook, viene visto da centinaia di persone. “I discorsi che entreranno nella storia”, titola la pagina satirica “Biondi rompe i meccanismi”.

Rotture a gogo, a quanto pare. Palle & meccanismi.

Ma insomma, di questi tempi, a chi non è capitato di irrompere in una delle tante piattaforme mentre si sta dicendo altro. Solo adesso lo vogliamo vedere De Matteis che gli racconta ai suoi elettori.




Articoli correlati

  • Sic transit gloria Dalfy29 Maggio 2019 Sic transit gloria Dalfy Non c’è solo una nuova maggioranza, nel consiglio comunale di Pescara. C’è molto di più. Ci sono storie che l’analisi attenta del voto può portare in superficie.  Intanto: non è […]
  • L’Aquila ma sembra la Rocca14 Dicembre 2015 L’Aquila ma sembra la Rocca Di questo passo anche il patrono San Massimo rischia di essere sostituito da San Leucio. E chissà se la Perdonanza celestiniana verrà insidiata dalla gara del solco dritto. Al di là del […]
  • Noi con Salvini, lui da solo4 Settembre 2015 Noi con Salvini, lui da solo Potevano tornare in Forza Italia, accontentarsi di Ncd, trovare una scorciatoia centrista. Insomma, potevano fare qualsiasi cosa ma hanno preferito dargli uno schiaffo in faccia. Perchè […]
  • Il Rosso antico diventa amaro30 Giugno 2015 Il Rosso antico diventa amaro Il Rosso antico va di traverso al governatore. Che per tentare di salvare la poltrona alla rossa dirigente ai Trasporti, ereditata da Chiodi, ha sfiorato la rissa con un gruppo di […]