·Dalfy non c’è ma si vede·

Un’auto-giustificazione. E una giunta convocata apposta per recepirla e approvarla. Sarà assente, scrive. Ma poi di fatto, non lo è. Un mistero, quello che si verifica in questi giorni alla Regione Abruzzo: un mistero la procedura seguita, un mistero ancora più incomprensibile ciò che si verifica dopo. Insomma, il presidente della Regione diventa assente ma è presente. C’è ma agli atti e’ come se non ci fosse.

Luciano D’Alfonso

Tutto comincia il 5 agosto scorso: Luciano D’Alfonso su carta intestata della Regione scrive una mail al presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio con cui annuncia di essere in modalità vacanza dal 5 al 17 agosto. Ferie, insomma. E mai negli anni precedenti era successo che lui o un altro presidente avesse dovuto giustificare l’assenza per le vacanze d’agosto.

“Io sottoscritto chiedo di essere giustificato, per la mia assenza, alla seduta dell’11 agosto del Consiglio regionale per ragioni connesse a esigenze della mia famiglia di allontanarsi dall’Abruzzo dal 5 al 17 agosto”.

E nella stessa mail aggiunge che la giunta regionale

“adotterà apposita delibera di approvazione del giustificativo della predetta assenza, che sarà trasmessa al Consiglio regionale”.

E infatti così avviene.

A strettissimo giro, tre giorni dopo la giunta, presenti il vice presidente Giovanni Lolli e gli assessori Silvio Paolucci, Dino Pepe e Marinella Sclocco, approvano la giustificazione e incaricano Lolli del disbrigo delle pratiche. La delibera fa espresso riferimento all’assenza del presidente “per esigenze personali e di famiglia”.

Poi la cronaca racconta un’altra storia. Ieri Dalfy era regolarmente all’Aquila. E per la verità nella stessa agenda del presidente si leggeva che ieri alle 10 avrebbe partecipato a palazzo dell’Emiciclo alla seduta ordinaria del Consiglio regionale. Di fatto quindi era vivo vegeto presente e per niente vacanziero alla conferenza stampa sul l’edilizia scolastica. Ma anche nei giorni precedenti e  il famoso 5 agosto dal quale sarebbero dovute partire le vacanze, era al Centro per partecipare a un forum poi trasmesso anche su Rete8.

Ps1: Quindi la giustificazione resta un mistero. E la presa d’atto della giunta lo raddoppia. Soprattutto perché è una proceduta mai adottata in passato.

Ps2: ma presto lo scopriremo.





Articoli correlati

  • Rocco Siffredi sponsor dell’Abruzzofebbraio 15, 2017 Rocco Siffredi sponsor dell’Abruzzo L’Abruzzo frana e lui passa la mano. Il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso ha ufficializzato ieri ciò che aveva deciso da qualche giorno, cioè da quando il gioco si […]
  • Stefy, la Pinotti e la foto taroccagiugno 1, 2017 Stefy, la Pinotti e la foto tarocca La più social dei parlamentari, la più puntuale, presente, fotografata e attenta politica abruzzese, scivola (o magari sa di scivolare) su una foto. In occasione della visita del ministro […]
  • Lolli e Camillo, che scintilledicembre 24, 2016 Lolli e Camillo, che scintille Forse non si sono visti, certo non si sono parlati, né confrontati. Insomma, ognuno per la propria strada. E che strade. Due reazioni, di cui una sicuramente un po’ scomposta: una di […]
  • Gerardis, gli amici se ne vannomaggio 22, 2017 Gerardis, gli amici se ne vanno Guido Dezio, il primo della lista. Oppure Vincenzo Rivera, da poco diventato direttore della Presidenza e dei Rapporti con l’Europa. Oppure Fabrizio Bernardini. O ancora Paola Di […]