·Dalfy lancia di Marco alla segreteria Pd·

Sì, a dispetto di tutto sono importantissime le primarie del Partito democratico in salsa abruzzese. Importanti per capire se il Pd in questa  regione ce la farà a cambiare passo, a rinnovarsi, a prendere un’altra strada o se resterà in mano ai soliti noti e quindi destinato a ridursi allo zerovirgola. Se ce la farà insomma a scrollarsi di dosso rancori, vendette, colpi bassi, rappresaglie, dimostrazioni tra chi è più forte e chi comanda oppure no.

Non è un mistero che l’ex governatore Luciano D’Alfonso che fino a poco prima delle elezioni ha fatto il bello e il cattivo tempo riducendo il Pd a un’appendice della Regione, abbia schierato nelle liste delle primarie divisi tra Giachetti e Martina i suoi fedelissimi, molti dei quali solo fedelissimi e per niente esperti di partito. Quindi alla fine il voto ci dirà se il Pd riuscirà ad affrancarsi da lui oppure no.

Ma c’è un altro indicatore che fa temere il peggio: dopo le primarie, a distanza di un mese o forse due, si celebrerà il congresso per l’elezione della segreteria regionale (Renzo Di Sabatino è al momento solo un segretario facente funzioni che ha preso il posto del dimissionario Marco Rapino), alla quale Luciano D’Alfonso intende candidare l’ex presidente della Provincia di Pescara Antonio Di Marco per risarcirlo della mancata candidatura alla Regione e anche, che non guasta dal suo punto di vista, per lanciare un messaggio a Giovanni Legnini, che non lo aveva voluto in squadra a causa del suo coinvolgimento nell’inchiesta di Rigopiano.

Renzo Di Sabatino

La candidatura di Di Marco avrebbe il sostegno anche di una parte del Pd teramano, per effetto di un patto stretto ai tempi delle Regionali: Luciano D’Alfonso sarebbe andato lì una settimana di fila a sostenere l’ex capogruppo Pd Sandro Mariani, e in cambio lui si sarebbe impegnato a sostenere Di Marco alla segreteria regionale del Pd. Contro lo stesso Renzo Di Sabatino, che dovrebbe anche lui candidarsi.

Sandro Mariani

Insomma, poltrone a tutti i costi. Come risarcimento e come compensazione. D’altronde il nome di Di Marco è uscito anche come consigliere comunale a Pescara, candidatura proposta sempre da Dalfy e rispetto alla quale però i consiglieri in carica hanno fatto barricate, della serie che c’azzecca uno di Abbateggio col Comune di Pescara?

ps: c’azzecca, c’azzecca, secondo D’Alfonso. Perdi una poltrona, ne vinci due.




Articoli correlati

  • Di Matteo fa vincere il centrodestraOttobre 31, 2018 Di Matteo fa vincere il centrodestra E alla fine vince lui, il sindaco di Collecorvino Antonio Zaffiri: la Provincia di Pescara passa di mano e torna al centrodestra. Ci torna anche grazie ai voti traghettati da Donato Di […]
  • Gare truccate, alta tensioneNovembre 12, 2015 Gare truccate, alta tensione <Un albo regionale di ingegneri compiacenti> per addomesticare le gare di appalto. E' questa la denuncia contenuta in un esposto anonimo partito dal cuore stesso della Regione […]
  • Candidature, le ultime risseGennaio 24, 2018 Candidature, le ultime risse La vendetta è un piatto che va servito freddo, e Luciano D’Alfonso ha pensato che adesso, con le elezioni, è arrivato il momento giusto. Lui la cova dai tempi in cui Tommaso Ginoble nel […]
  • Il giallo delle primarie gratisMaggio 12, 2017 Il giallo delle primarie gratis Non ci sono soltanto gli infiltrati, e i sostenitori telecomandati, e gli Alfredo Castiglione ex An e i Teddiboys cioè la Teodoro family con parenti e affini che hanno votato alle primarie […]