·Feste & fiere alla Regione·

Senza fretta. Oggi scade il termine ma  il presidente del Consiglio regionale Giuseppe Di Pangrazio, alias Sua Peppanza, convocherà tra oggi e domani l’uffcio di presidenza per decidere la data in cui si riunirà la giunta per le elezioni che entro il 26 aprile dovra’ valutare l’incompatibilità del presidente-senatore Luciano D’Alfonso. Una calma a quanto pare condivisa dalle opposizioni, che dopo un pressing iniziale, stanno zitte: segno che qualche mese in più di legislatura fa comodo a tutti. Pronte comunque a fare qualche intervento muscolare nel prossimo consiglio regionale, che dovrebbe tenersi il 3 maggio.

Luciano D’Alfonso, d’altronde, non ha nessuna intenzione di mollare prima. Ha già ricominciato la sua campagna elettorale: ci sono le Regionali dietro l’angolo e ammesso che non lo riguardino personalmente (ammesso, ma bisogna vedere se a Roma si tornerà a votare nell’impossibilità di formare un governo), comunque riguarderanno un sacco di suoi fedelissimi con i quali ha firmato cambiali importanti. Lunghissima la schiera degli aspiranti a un posto di consigliere regionale: e anche se il numero dei posti si restringe, visto che il centrosinistra al momento non potrà intestarsi una vittoria, comunque un seggio a tredicimila euro è sempre un buon investimento per il futuro. 

Con Gaetano Cuzzi

Campagna elettorale permanente, quella di Dalfy, che domenica ha passato il suo tempo ad Alanno all’inaugurazione della 40esima fiera dell’Agricoltura, intrattenendosi con politici, ex politici, amici, accarezzando un asinello, fotografando una gabbia di galline, la sua passione, stringendo mani e abbracciando cittadini. Accompagnato da due pretendenti al trono regionale come Moreno Di Pietrantonio e Antonio Di Marco. Insomma, a dispetto di quello che dice, di tempo ne ha e ne ha tanto.

E di campagna elettorale in campagna elettorale, contando i mesi persi per il referendum istituzionale, per le Politiche e per le varie amministrative, se n’è andato quasi un anno. 

ps: sempre a spese nostre, naturalmente.




Articoli correlati

  • La lunga notte di RoccamoriceAgosto 13, 2017 La lunga notte di Roccamorice “Se devo morire, preferisco morire in battaglia”: dice così Giuliano Diodati, mezz'ora prima del vertice della corrente convocato ieri sera a Roccamorice, con l’assessore regionale Donato […]
  • Di Marco, fischi e lazziSettembre 25, 2018 Di Marco, fischi e lazzi Già non lo possono sopportare perché continua a inaugurare a tutto spiano nonostante si sia dimesso da Presidente della Provincia. E per di più indossando la fascia blu: se si è dimesso, […]
  • Regione di consolazioneFebbraio 8, 2018 Regione di consolazione C’è un’agitazione incomprensibile, a prima vista, che riguarda tantissimi candidati che non saranno eletti. Che sono stati messi lì come portatori d’acqua. Non è semplice mobilitazione di […]
  • Cuzzi campanaroOttobre 15, 2015 Cuzzi campanaro Sarà che adesso ci stanno a fare un pensierino tutti, magari a Pescara si rivota e haivistomai. Sarà che Marco Alessandrini ormai sta sopra la graticola con la storia dell'ordinanza […]