·Dalfy-Camillo, sono scintille·

Non farà bene al Pd e alla candidatura di Giovanni Legnini l’adesione dei parlamentari Camillo D’Alessandro, Stefania Pezzopane e Luciano D’Alfonso (il primo ex consigliere regionale e il terzo ex presidente della Regione Abruzzo) alla corrente di Maurizio Martina. La fiera dei veleni è cominciata e andrà avanti senza sosta fino al 3 marzo, facendo così arrivare il partito di Renzi logorato all’appuntamento con le Europee ma anche prima, alle Regionali abruzzesi. 

“Con Martina si è schierata la vecchia classe dirigente che ha perso”

ha commentato Zingaretti. E così è, almeno a guardare le adesioni abruzzesi.

Maurizio Martina

Per ora sono 85 i parlamentari orfani di Renzi che hanno sottoscritto la candidatura di Martina, che si aggiungono ai 25 parlamentari che fanno riferimento allo stesso Martina, Graziano Delrio e a Matteo Orfini che avevano già aderito alla mozione. Tra loro ci sono appunto D’Alessandro e D’Alfonso, tra i quali negli ultimi tempi non corre buonissimo sangue.

A quanto pare è scoppiata tra loro una sottile e sotterranea rivalità per le frequenti esibizioni nei programmi tv nazionali del fedele consigliere: visibilità che D’Alfonso, in evidente crisi di astinenza da popolarità, soffre moltissimo. Il fedelissimo, che si è i spirato a Dalfy nei timbri di voce, negli atteggiamenti, nelle parole opere e omissioni, ha fatto uno scatto in avanti: in effetti ha  un’immagine  più spendibile, è giovane e grillineggia un sacco.

D’Alessandro e D’Alfonso

Così, dal giorno in cui ha portato alla Camera una forchetta per ribattere a una senatrice grillina che aveva ammonito i suoi con la frase “se andremo avanti con queste politiche scellerate i nostri elettori prima o poi ci rincorreranno con i forconi”, lui si è conquistato l’attenzione delle tv. 

ps: e Dalfy incassa. I suoi discorsi al Senato finiscono tutti col rimasticamento delle sue vicende giudiziarie e nel farlo, giorni fa è addirittura incorso in una scivolata, fatta rimbalzare dai grillini su tutti i social. Nella discussione sulla legge Anticorruzione, ha detto:

“Io ho simpatia culturale per la corruzione tra privati”…

intendendo però, ha spiegato poi, “esigenza conoscitiva per trovare una soluzione normativa proporzionata”. Colpa dei grillini? Forse, ma anche del suo linguaggio barocco. Ed ecco perché alla fine vince D’Alessandro.





Articoli correlati

  • La riffa delle candidatureGennaio 9, 2018 La riffa delle candidature Eccoli di nuovo i 6 per 3. Il grande baraccone della pubblicità in formato elezioni è partito, il Pd in prima linea: ieri hanno fatto la loro comparsa in vari angoli di Pescara, e anche a […]
  • Pd, fuga dal conclaveDicembre 18, 2017 Pd, fuga dal conclave Un flop. Un Pd in fuga, costretto a chiudere le saracinesche in fretta a furia a fine mattinata, quando il programma prevedeva di tirare avanti fino al pomeriggio. “Difetto di prevendita”, […]
  • Frullatore Pd, scoppia la polemicaSettembre 12, 2018 Frullatore Pd, scoppia la polemica Magari un topolino avrebbe fatto una figura migliore. Invece il Pd Abruzzo non ha partorito manco quello: una spolverata di trucco che, si sa, sopra le rughe, è disastrosa. No, il […]
  • Cristina se ne va: l’addio della GerardisMaggio 20, 2017 Cristina se ne va: l’addio della Gerardis Se ne va anche lei. La direttrice generale della Regione Abruzzo Cristina Gerardis lascia. L’ultima super dirigente arruolata dal presidente Luciano D’Alfonso all’inizio del suo mandato, […]