·Dalfy, il ricorso e gli effetti collaterali·

Rigettato il ricorso dei Cinquestelle: l’incompatibilità del presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso, eletto senatore il 4 marzo scorso, dovrà essere stabilita dalla Giunta per le elezioni del Senato. In pratica il tribunale civile dell’Aquila ha dato ragione a Dalfy, che da sempre sostiene la stessa tesi. E’ stato un apriti cielo, ieri pomeriggio, con i fedelissimi che inveivano contro i Cinquestelle, avete visto, chiedete scusa.

Camillo D’Alessandro

Ma c’è poco da chiedere scusa. Gli effetti collaterali dell’ostinazione di D’Alfonso a mantenere le due poltrone, costringendo lui e spesso il Consiglio regionale, la giunta, tutti gli uffici, sono pesantissimi: per la sua immagine, per l’immagine di tutta la giunta regionale, per il Pd ormai ridotto ai minimi termini e per chi gli tiene bordone. In politica l’opportunità, l’etica, la responsabilità dovrebbero prevalere su tutto, persino sulla legittimità. Non c’è da esultare se un tribunale boccia il ricorso contro Dalfy: ieri sera tra i primi è stato Camillo D’Alessandro a sbeffeggiare i pentastellati. 

ps: Proprio lui che poco dopo l’elezione a parlamentare si è dimesso.




Articoli correlati

  • Presidente-senatore, decide la Regione30 Marzo 2018 Presidente-senatore, decide la Regione Entro 30 giorni a partire dal 16 aprile, che è la data dell’insediamento delle Camere. A meno che non ci siano ricorsi. E il ricorso c’è, alla Regione è arrivato l’altro ieri pomeriggio a […]
  • Inconsistente sarà lei26 Luglio 2018 Inconsistente sarà lei Non convince nessuno la sentenza del tribunale dell’Aquila sull’incompatibilità di Luciano D’Alfonso. Non convince costituzionalisti e avvocati e soprattutto i Cinquestelle che avevano […]
  • Regione, e nessuno stacca la spina11 Aprile 2018 Regione, e nessuno stacca la spina Il primo consiglio regionale convocato dopo quattro mesi viene interrotto nel pomeriggio perché il presidente-senatore Luciano D’Alfonso deve andare a Roma. E quando va via, salta tutto […]
  • Una morte molto annunciata12 Gennaio 2017 Una morte molto annunciata Un colpo di spugna e 17 persone a casa. Senza lavoro e senza futuro. Un’operazione costruita a tavolino e che ha tanti, tantissimi aspetti oscuri, molti complici, alcuni spettatori […]