·Dalfy affonda il Pd·

Segni particolari: scompaiono dalla bacheca Facebook la foto del voto di domenica, lui in completo blu in posa con gli scrutatori, e prima volta nella storia social del governatore, scompare anche il santo del giorno che aveva accompagnato ogni sua scorribanda pre e post elettorale. Comincia così il giorno della sconfitta per il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso: certo, lui non perde, anzi vince il seggio da senatore ma c’è poco da stare allegri con la mazzata riportata dal Pd che in Abruzzo sprofonda al 13,9 per cento, meno della Margherita alle sue ultime elezioni. Eppure lui aveva promesso a Matteo Renzi che gli avrebbe portato in dote un bel pacco di voti e che dall’Abruzzo lo avrebbe aiutato a compensare l’erosione di voti. Invece l’Abruzzo si sveglia completamente giallo, con qualche traccia di blu, che sono i due seggi del Senato vinti da Gaetano Quagliariello e Antonio Martino del centrodestra.

E dopo un tira e molla durato tutto il giorno, me ne vado anzi no, resto, devo decidere, forse sì forse no, mica posso decidere solo io, alla fine Dalfy esce allo scoperto: se ne andrà.

“Come sono abituato a fare, onorerò il mandato popolare che ho ricevuto per rappresentare le esigenze dell’Abruzzo a Roma. Non appena la mia elezione sarà convalidata, si aprirà il procedimento previsto dalla norma per risolvere la questione dell’incompatibilità”,

ha scritto ieri sera su Facebook. Per il resto, l’analisi della sconfitta è copiata pari pari dalle parole di Matteo Renzi: chi ha vinto sono state le forze populisti e anti europee, scenari preoccupanti e neppure una parola di autocritica. Muto anche il segretario regionale del Pd Marco Rapino, di cui Michele Fina, collaboratore del ministro della Giustizia Andrea Orlando, ha invocato le dimissioni.
Nessuna analisi, neppure una parola sul partito ridotto a un tappetino al servizio della Regione, alle candidature imposte da lui, ai cavalli senatori, alle segretarie senatrici, al massacro di regole e di democrazia degli ultimi anni.
In ogni caso se ne andrà e alla Regione si tornerà a votare: a quell’appuntamento il Pd e il centrosinistra si presenteranno ridotti in macerie.

 

 

Il Pd abruzzese sta sotto di cinque punti rispetto al risultato nazionale, per Dalfy comunque è una sconfitta pesantissima che sporca l’immagine del vincitore e dell’acchiappa-voti. In Abruzzo sono venute a mancare fette consistenti di elettorato perché, come era prevedibile e in parte annunciato, pezzi importanti di classe dirigente del Pd si sono organizzati non tanto per non andare a votare, ma addirittura per votare contro. Lo hanno fatto a Teramo, all’Aquila, a Pescara, lo hanno fatto elettori storici del Pd e autorevoli pezzi di classe dirigente. D’altronde è impensabile umiliare parlamentari, aspiranti candidati, amministratori e militanti e poi sperare di conservarne il voto. E’ solo un caso probabilmente che a Roccamorice, paese dell’assessore Donato Di Matteo che solo un mese fa ha annunciato l’uscita dal gruppo Pd, il Movimento 5 stelle abbia riportato al Senato il 51,5 per cento e alla Camera il 52,7.

E se diamo uno sguardo alle tabelle (sopra), il tonfo del Pd appare in tutto il suo splendore: dal 33,5 del 2008 alla Camera al 22,6 del 2013, al 32,4 delle Europee del 2014 fino al 13,82 di quest’anno. Quasi venti punti percentuali in meno rispetto a dieci anni fa. Perde anche il centrodestra che nel 2008 partiva con il 43,2 per cento, passando per il 29,5 del 2013 e il 30,3 del 2014, fino al 35,53 di oggi.
Vola invece il Movimento 5 stelle che parte con un 29,9 nel 2013, passa per un 29,7 alle Europee e approda al 39,85 per cento di quest’anno.

Al Senato stesso trend: il Pd parte col 33,9 e arriva al 13,97. Il centrodestra parte dal 43,6 e arriva al 36,38 di oggi. Con Grillo che guadagna più di 10 punti, dal 28,4 del 2013 al 39,29 di oggi. Senza differenze sostanziali tra Camera e Senato: non è vero quindi che il Movimento viene premiato dai giovanissimi.
Tanti i trombati illustri di questa tornata elettorale: il primo della serie è l’ex governatore Gianni Chiodi, che pur di strappare una candidatura non ha esitato nel giro di un pomeriggio a lasciare Berlusconi per abbracciare Fitto. Ma è stato punito: niente seggio. Non ce l’ha fatta neppure Guerino Testa, la giovane promessa di Fratelli d’Italia, ormai alla seconda sonora bocciatura: prima come candidato sindaco, ora come parlamentare. E la sottosegretaria alla Giustizia Federica Chiavaroli, bocciata pesantemente e non solo per essersi schierata con Renzi e D’Alfonso.

Federica Chiavaroli

Non ce la farà probabilmente neppure Paola Pelino, anche se l’elenco esatto degli eletti non è ancora ufficiale. Nel collegio maggioritario senatoriale di Pescara, è ufficiale la vittoria al senato del giornalista abruzzese ed ex direttore del quotidiano Il Centro, Primo Di Nicola, sul sindaco di Pratola Peligna (L’Aquila) Antonella Di Nino, di Forza Italia. Nel collegio uninominale senatoriale L’Aquila-Teramo è eletto l’esponente di Noi con l’Italia-Udc Gaetano Quagliariello, senatore uscente abruzzese ed ex ministro nel governo tecnico di Monti.
Negli altri collegi uninominali relativi alla Camera dei deputati sono eletti i grillini Carmela Grippa (a Vasto sul sindaco di Fossacesia, Enrico Di Giuseppantonio di Noi con l’Italia-Udc), Antonio Zennaro (a Teramo su Rasicci della Lega), Andrea Colletti, parlamentare uscente, (a Pescara su Guerino Testa, Fratelli d’Italia) e Daniele Del Grosso (a Chieti sulla forzista Emilia De Matteo).
Nel collegio uninominale alla Camera dell’Aquila, vince il forzista Antonio Martino, imprenditore abruzzese, sul pentastellato Giorgio Fedele.

Nazario Pagano

Sul proporzionale del Senato, sono invece in palio 5 seggi, in quello della Camera 9 seggi. Dovrebbero farcela al Senato Alberto Bagnai per la Lega, Nazario Pagano per Forza Italia, D’Alfonso e i pentastellati Gianluca Castaldi e Gabriella Di Girolamo.
ps: alla fine, l’unica voce che si è sentita è stata quella dell’assessore Donato Di Matteo che ha chiesto le dimissioni della segreteria Pd e del presidente D’Alfonso: candidature imposte dall’alto, distacco dalla comunità, cerchio magico e dintorni. Ce n’è a sufficienza per andare a votare al più presto.





Articoli correlati

  • Dalfy al Senato col paracadutegennaio 11, 2018 Dalfy al Senato col paracadute Dalfy si candiderà capolista al Senato nel Proporzionale. Ma se non dovesse ottenere un incarico di governo (ministro o sottosegretario), sempre che vinca il centrosinistra (possibilità […]
  • Esclusi per turpiloquiogennaio 22, 2018 Esclusi per turpiloquio Ed eccoli i candidati Cinquestelle al Parlamento. Una lista di nomi, ai quali sono affiancati dei supplenti (in caso di indisponibilità o di problemi che dovessero subentrare di qui al 4 […]
  • Gero pigliatuttogiugno 7, 2016 Gero pigliatutto E alla fine ha vinto lui, ha vinto tutto quello che c’era da vincere. Ballando indisturbato su due tavoli, ma proprio indisturbato, senza che nessuno provasse a dirgli scegli, o di qua o […]
  • Sono Razzi per tuttidicembre 2, 2015 Sono Razzi per tutti Farebbe piazza pulita, lui. Se gli facessero fare il commissario di Forza Italia in Abruzzo, naturalmente. Ma Antonio Razzi, nonostante sia pappa e ciccia con Silvio Berlusconi, non lo […]