·Cordone conteso torna in Lombardia·

Gettonatissimo l’ex manager di Pescara Angelo Cordone, che alla scadenza del mandato ha potuto scegliere addirittura tra due offerte: prima la Basilicata e adesso la Lombardia, dove ha lavorato fino a qualche mese fa. Conteso da destra e da sinistra. 

Angelo Cordone

E lui, un po’ di qua un po’ di là, si è adattato benissimo: il nuovo che avanza è questo qui, fluido, ondivago, flessibile. E in nome della flessibilità la giunta regionale della Basilicata, che per inciso è di centrosinistra e ha deciso che per le prossime regionali si voterà il 26 maggio in coincidenza con le Europee scatenando un mare di proteste, un mesto fa ha nominato alla vigilia delle elezioni i nuovi vertici della Sanità. E, sorpresa sorpresa, ha intronizzato a capo dell’azienda ospedaliera regionale “San Carlo” proprio Angelo Cordone, ex manager della Asl di Pescara in quota centrodestra, ex direttore generale della Fondazione Irccs del Policlinico San Matteo di Pavia e direttore sanitario della Fondazione Irccs Istituto neurologico Carlo Besta di Milano. Angelo Cordone, uomo di Alleanza nazionale, molto vicino a Nino Sospiri, fu nominato a Pescara dalla giunta di centrodestra e poi si avvicino’ a Luciano D’Alfonso: erano gli anni di Giovanni Pace presidente della Regione. In Lombardia lo volle Formigoni, e poi fu confermato da Roberto Maroni, fino al triplo salto a sinistra in Basilicata. Ma forse la Basilicata era troppo lontana.

E così, notizia di qualche giorno fa, la Lombardia lo ha rivoluto. 

Il presidente Attilio Fontana ha nominato proprio ieri i nuovi direttori generali che a partire dal primo gennaio 2019 guideranno le otto Ast (ex Asl, accorpate), le 27 Asst (ex Aziende ospedaliere) e i 4 Irccs della Lombardia. E c’è anche Cordone. Ieri il suo nome è comparso sul Corriere della Sera, in una tabella sui nuovi potentati della sanità milanese: Cordone è diventato manager di Melegnano e Martesana, in quota Forza Italia, dopo essere stato per pochi giorni a capo dell’azienda ospedaliera della Basilicata, in quota centrosinistra.

ps: ma il mondo è bello perché è vario (non la politica, ma da un po’ va così, e infatti va a scatafascio)





Articoli correlati

  • Bobo boccia D’AmarioGennaio 19, 2016 Bobo boccia D’Amario Maroni lo boccia, De Luca lo assume. E l'Abruzzo se l'è tenuto fin quasi alla scadenza naturale. Se c'è un esempio della sanità a due velocità, eccolo qui. Il manager della Asl di Pescara […]
  • Doppioni a spese nostreSettembre 23, 2015 Doppioni a spese nostre Tra tre mesi, no tra quaranta giorni, al massimo ottobre. Pronto, prontissimo il nuovo distretto sanitario di base di Montesilvano costato 619 mila euro e rotti a Stato, Regione e Asl. […]
  • Apperò (al contrario): Morgante e i treni della vergognaFebbraio 5, 2018 Apperò (al contrario): Morgante e i treni della vergogna Apperò Barbara Morgante, chissà che se ne fanno dei soldi a Rfi e Trenord se non li investono in manutenzione. E’ un Apperò al contrario questo qui, perché di notizie belle ce ne sono […]
  • Da destra a sinistra, gli op-op della sanitàNovembre 22, 2018 Da destra a sinistra, gli op-op della sanità Un po’ di qua un po’ di là, per dire basta con le etichette politiche. Il nuovo che avanza è questo qui: fluido, ondivago, flessibile. E in nome della flessibilità la giunta regionale […]