·Una badante per la Saga·

Lui ha perso l’aereo ma ha recuperato in corsa un pullman. Meglio che niente. Alitalia ha cancellato i voli Pescara-Roma ma in compenso ha annunciato che al posto dei tre collegamenti giornalieri in start up con Fiumicino, creerà un collegamento bus con internet wi-fi a bordo affidato alla GeneralServices, così come ha anticipato ieri il Messaggero. E Nicola Mattoscio, presidente del cda della Saga, si ritroverà ora a gestire una biglietteria per i bus.

Il cda della Saga

Il cda della Saga

Ma nonostante tutto, trasuda ancora ottimismo il presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso che ieri ha incontrato i vertici di Alitalia a Roma insieme al presidente dell’Umbria Catiuscia Marini:

<Insediare un gruppo di lavoro che studi i numeri del dossier per la sostenibilità della connettività e la partnership tra Alitalia, Regione Abruzzo e Regione Umbria>.

Tradotto: Alitalia si è impegnata a rivedere le cifre dei passeggeri, punto. Potrebbe ripensarci. D’Alfonso aggiunge poco altro, e non è un buon segno:

<E’ stata una riunione fruttuosa e importante – poiché si è stabilito di insediare un gruppo di lavoro che studi i numeri del dossier per il collegamento aereo Pescara-Roma e Perugia-Roma e di ricercare con quale sostenibilità, vettore e partnership realizzarlo>.

Foto dopo la riunione con Alitalia

Foto dopo la riunione con Alitalia

Insomma, chiacchiere e cifre che difficilmente potranno condurre al ripristino del collegamento: non è economico, e tanto basta, ma intanto chissà.  E di schiaffatoni sono due: dopo Ryanair, che però aspetta un segno economico dal governo, è Alitalia a lasciare al proprio destino l’aeroporto d’Abruzzo.

E in più la beffa: molti passeggeri nelle ultime settimane hanno comprato il biglietto per il volo Pescara-Roma e hanno scoperto solo in seguito che la linea era stata soppressa. Tra questi persino Mattoscio, che doveva andare a Torino passando per la capitale, e la cancellazione del volo lo ha costretto a prendere un aerobus alle 3.20 del mattino. Caspita: non era informato neppure il presidente del cda Saga.

Ma intanto consoliamoci con i bus Alitalia: per salire a bordo sarà necessario aver fatto il check in tramite il web, in cambio i passeggeri avranno ogni tipo di assistenza e potranno sbarcare direttamente a Fiumicino o a Ciampino senza soste intermedie, almeno si spera. Naturalmente un collegamento che creerà qualche problema di concorrenza alla Tua, società unica dei Trasporti della Regione, ma sembra che nessuno ci abbia fatto caso.

Nicola Mattoscio (a sinistra)

Nicola Mattoscio (a sinistra)

E nessuno fa caso al fatto che la Saga ormai è una società assistita, non solo dal punto di vista finanziario, visto che la Regione sborsa milioni e milioni di euro, ma anche dal punto di vista gestionale e organizzativo. La Regione è il suo insegnante di sostegno, il suo tutor, e anche il suo sponsor ufficiale: senza quei soldi Saga non cammina. Il principale azionista che deve farsi carico di tutto.

E allora: che senso ha mantenere il cda? Sprechi e poltrone che non servono.




Articoli correlati

  • L’aeromorto d’AbruzzoMarzo 25, 2016 L’aeromorto d’Abruzzo Una porta sul mondo. Perché parti da Pescara e vai dove vuoi. Pescara-Roma e poi il resto del mondo. Era il biglietto da visita del nuovo cda della Saga ma è durato solo un anno: due […]
  • Prendo il bus o prendo l’aereo?Ottobre 20, 2015 Prendo il bus o prendo l’aereo? O sceglie l'autobus o sceglie l'aereo. Anche perchè la coperta è corta e non basta per tutti. Ci sono in ballo cinque milioni di euro della Regione, e se li contendono la Saga guidata da […]
  • Si Saga chi puòMarzo 1, 2016 Si Saga chi può Un gioco di prestigio. Personaggi e interpreti in ordine di sparizione. In principio erano cinque, i componenti del cda della Saga, poi con la scusa di una modifica dello Statuto, a […]
  • Ryanair, il peccato originaleFebbraio 6, 2016 Ryanair, il peccato originale Un'interrogazione della parlamentare Daniela Aiuto, un'ispezione del ministero con una lunga lista di rilievi. E alla fine un'inchiesta con tanto di superperizia. Adesso l'addio della […]