·Concorsi su misura, guerra tra Tar e Ateneo·

Concorsi su misura, bandi ritagliati su misura per il candidato scelto dal dipartimento, gradito al presidente di commissione. E università che resistono e non rispettano le sentenze dei Tar. Accade in Abruzzo dove da mesi si registra un violento braccio di ferro con l’Università d’Annunzio. Il caso è stato segnalato dall’Autorità anti-corruzione. E così accade che di fronte a precise indicazioni dei giudici amministrativi, gli atenei non blocchino i risultati dei concorsi bocciati in tribunale, non riformulino i giudizi sui vincitori, non rifacciano le commissioni.

Lo scorso 28 aprile il Tar di Pescara, racconta Repubblica, all’ennesimo rinvio silenzioso dell’Università d’Annunzio su un concorso in Medicina, ha inviato l’ultimatum:

“Avete 15 giorni di tempo per provvedere al riesame dei titoli dei candidati e formare una commissione diversa, fatta di docenti esterni ed estratti a sorteggio”.

Pena, l’arrivo di un commissario. L’ultimatum scade tra cinque giorni.

In pratica, il Tar ha annullato la selezione per Pediatria organizzata due anni fa, nel 2016: il presidente di commissione aveva redatto il verbale post-concorso in solitudine facendolo approvare agli altri due membri successivamente, via mail. Il Tar ha ordinato una nuova prova, che l’università non ha mai messo in piedi. Il presidente si è limitato a trascrivere i vecchi verbali e a riproporli.

Scrive ora il Tar:

“Nelle nuove carte sono stati integralmente riprodotti i criteri precedentemente formulati e i giudizi attribuiti sulla base di quei criteri. È del tutto inverosimile che la commissione abbia proceduto, anche questa volta, a un riesame in modo collegiale”.

Di fronte “a una palese violazione del giudicato della prima sentenza”, il Tar ha chiesto all’ateneo di verbalizzare “gli interventi di ciascuno nelle riunioni collegiali”, di stilare “una tabella in cui per ciascun criterio debbano essere indicati i titoli di entrambi i candidati e le proposte motivate di ciascun commissario” e, quindi, di rinominare i giudici.

“Tutti i membri dovranno essere sostituiti e la nuova commissione dovrà essere composta da tre professori di prima fascia esterni all’ateneo e individuati tramite sorteggio”.

L’Università in queste ore ha scritto al ministero dell’Istruzione: dateci voi i tre nomi per rifare il concorso, “poi procederemo spediti”.

ps: Insomma, una provocazione. E un gran pastrocchio. 




Articoli correlati

  • Poltrona doppia, il Tar dice no11 Novembre 2016 Poltrona doppia, il Tar dice no E adesso deve scegliere: il piede in due staffe non può continuare a tenerlo. Il Tar ha respinto la richiesta di sospensiva di Rosaria Ciancaione, che aveva impugnato il provvedimento […]
  • Esclusioni e minacce, sospeso il concorso14 Giugno 2018 Esclusioni e minacce, sospeso il concorso Un braccio di ferro, la minaccia di far intervenire i Carabinieri. E alla fine, solo alla fine, la Asl di Chieti decide di rinviare la prova scritta per il concorso da dirigente […]
  • Ersi, sospesa la poltrona d’oro31 Maggio 2017 Ersi, sospesa la poltrona d’oro Sempre più in bilico la poltrona d'oro di Tommaso Di Biase all'Ersi. Accolta la richiesta di adozione di misure cautelari presentata da Sebastiana Parlavecchio: la nomina dell'ex assessore […]
  • Tommaso congelato20 Maggio 2017 Tommaso congelato Tutto congelato. Finisce nel freezer per il momento la poltrona d’oro di Tommaso Di Biase all’Ersi. Il nuovo direttore generale da 200 mila euro l’anno non potrà insediarsi, non ancora. […]