·City, permute e sprechi·

Un’arrampicata sugli specchi. La relazione dei tecnici della Regione Abruzzo a corredo della delibera di acquisto della City di via Tiburtina commissionata dalla ex giunta Chiodi e copiaincollata da D’Alfonso, si affanna nel disperato tentativo di far quadrare i conti. Ma i conti non tornano: con l’acquisto della City la Regione Abruzzo non avrebbe risparmiato un bel niente, anzi avrebbe speso 722.241 euro in più di affitto all’anno. Nonostante le leggi vietassero espressamente aumenti di spesa.

Albore Mascia e Antonelli

Albore Mascia e Antonelli

È un bell’inguacchio l’acquisto dell’immobile di via Tiburtina a Pescara in cui sono rimaste coinvolte 14 persone raggiunte da avviso di garanzia tra le quali l’ex sindaco di Pescara Albore Mascia, l’ex assessore Antonelli, tecnici e dirigenti di comune e Regione tra i quali l’encomiata Carla Mannetti.

I conti non tornano nonostante la Regione preveda di cedere in permuta alla società Iniziative Immobiliari i palazzi di viale Bovio e via Raffaello per un valore pari rispettivamente a 4 milioni 352 mila euro e 3 milioni e 500 mila. Tanto che nella relazione si scrive che dal costo di acquisto della City pari a 42.388.900 euro, si dovranno detrarre i canoni di locazione di tre anni di 5.173.408 e i valori degli immobili di viale Bovio e via Raffaello per 7.852.000 euro.

La City

La City

Eppure gli zelanti dirigenti si affannano a trovare una soluzione, a tutti i costi. Si rendono conto che le leggi impongono limiti precisi:

“Le recenti normative in materia di spending review – scrivono nella relazione – contengono disposizioni finalizzate a realizzare il contenimento dei fitti…ma non prevedono limitazioni per l’assunzione di nuove locazioni” a patto che siano indispensabili e indilazionabili.

Inoltre le leggi precludono l’acquisto o la locazione passiva solo per il 2013. Quindi, fanno notare, basta aspettare un po’. Anche perchè se gli immobili non sono sicuri “non si ritiene preclusa la stipula di nuove locazioni, seppure con aumento di spesa”. E in effetti in viale Bovio esistono problemi di sicurezza sismica. Così, per non far spiccare questo aumento di spesa, se all’inizio viene prospettato di mantenere a carico alla Regione altri quattro edifici (insieme al nuovo della City) che però costano un po’ troppo (1.823.923,00 di canone annuo a fronte di 1.101.682,00 del canone attuale), poi i dirigenti prospettano nuovi tagli. Allo scopo di rendere giustificabile l’affitto con riscatto dell’immobile di Sciarra & c.

La riunione in Regione

La riunione in Regione

E immaginano quindi altre economie:

“Rilascio porzione immobile all’Aquila in via Salara Antica per un ammontare di 188.000 euro; trasferimento sede Uta di Atri in immobile del Comune con risparmio di 15.500 euro; rilascio magazzini ad uso del dipartimento sviluppo economico e politiche agricole per 9.775 euro e persino il rilascio dell’immobile di Pescara in via Tiburtina, attuale sede dell’Agenzia di promozione culturale con conseguente risparmio di 99.453 euro”. Gli stessi uffici che in un altro punto della relazione venivano esclusi dalle vendite “per la specificità della loro attività e perchè collocati in zone centrali della città”.

Insomma una colletta bella e buona, una raccolta di somme e spiccioli come si faceva da bambini con gli zii della domenica.

ps. questo l’argomento serio. Poi nella relazione si legge anche che l’immobile e le sue “caratteristiche intrinseche consentono una distribuzione del personale prevalentemente in locali con postazioni multiple da 4 a 6, fatto salvo che per i livelli dirigenziali”. Insomma, con queste caratteristiche intrinseche, impossibile rinunciarci.




Articoli correlati

  • Quante giravolte sulla City4 Agosto 2015 Quante giravolte sulla City Quel giorno la Regione decise di non approvare. Per usare le parole esatte, deliberò di non deliberare. Insomma, ingranò una velocissima retromarcia. Ma è stata soltanto una pausa tattica, […]
  • La City, un indagato in più6 Febbraio 2016 La City, un indagato in più Punto e a capo. E a capo c'è un altro troncone di inchiesta. La City non è finita con l'avviso di conclusione delle indagini firmato ieri dai pm Anna Rita Mantini e Mirvana Di Serio. Gli […]
  • Auto-premiata ditta18 Gennaio 2016 Auto-premiata ditta Premiati per lavorare. Premiati a più non posso. Molto più dei medici, a Natale e tutto l'anno. Ma i dirigenti amministrativi della Asl di Pescara in pratica si auto-premiano. Sono loro […]
  • City, caccia alle tangenti1 Ottobre 2015 City, caccia alle tangenti E adesso c'è un sospetto: le tangenti. Non c'è solo l'abuso nell'inchiesta sulla City. La procura di Pescara affonda il coltello, e dalle indagini di fine estate gli agenti della squadra […]