·Arriva Borghese, paga il Comune·

Chef a spese nostre. Con tutto il seguito. E che seguito. E’ stato pagato con soldi pubblici il soggiorno pescarese di Alessandro Borghese che conduce la trasmissione “4 ristoranti” su Sky Uno: lo abbiamo visto immortalato col sindaco Marco Alessandrini e assessori vari sul lungomare e sul porto di Pescara. Lui era qui per girare una puntata che andrà in onda a novembre e in ogni città in cui ha fatto tappa ha decantato le virtù gastronomiche locali per la gioia dei giornalisti: a Pescara gli arrosticini, a Vasto il brodetto, e così vissero tutti felici e contenti. Ma erano soprattutto i trabocchi, con il loro fascino e le cene estive di pesce, il clou della trasmissione. Anche se alla fine, a pagare è solo uno.

Lo chef Alessandro Borghese

Un’operazione commerciale, totalmente a carico del Comune di Pescara e di Terna: lo chef, con 24 persone al seguito, ha soggiornato in riva al capoluogo adriatico, nel nuovissimo G hotel a quattro stelle vicino alla stazione ferroviaria per cinque notti. Non a spese proprie, o di Sky, come sarebbe stato naturale, ma del Comune di Pescara. In cambio, evidentemente, di quattro selfie.
Il contatto avviene il 20 giugno scorso: chiama la società Dry Media srl per organizzare una puntata della trasmissione “4 ristoranti” che chiede all’amministrazione di partecipare alla spesa di pernottamento della troupe che conta 25 persone compreso lo chef. Il Comune, che piange miseria un giorno sì e l’altro pure, accetta. E affida la ricerca di mercato per individuare l’albergo più consono e conveniente alla stessa società Dry Media, che vuole almeno un 4 stelle (o un tre stelle superior) con stanze doppie uso singola con letto matrimoniale.

Viene scelto il G hotel “per rapporto qualità/prezzo, disponibilità delle stenze dal 24 al 28 luglio, posizione ottimale rispetto alle esigenze di ripresa”. In tutto le 25 doppie con prima colazione, wi-fi, minibar e parcheggio, più un euro di city tax a persona (anche questa a carico del Comune), una Junior suite, per una totale di duemila euro, le paga il Comune. Alla spesa dovrebbe concorrere anche Terna spa che si è impegnata a finanziare a mezzo di sponsorizzazioni varie iniziative turistiche dell’ente. Tanto che l’amministrazione indica che la somma verrà ripartita nel seguente modo: 1.400 euro dalle “spese per attività di promozione turistica finanziate con imposta di soggiorno”; e altre 600 dalle “iniziative turistiche del Comune, finanziate da sponsorizzazioni”. La trasmissione, se tutto va bene, sarà trasmessa a novembre, quando si sa, stanno tutti pronti a programmare le vacanze estive a Pescara.
ps1: è un grande estimatore del barbecue, ha detto parlando di sé Borghese (che comunque, fa una bella e seguita trasmissione) e quest’inverno tornerà per girare altre puntate nell’entroterra. Tanto paga Pantalone, pardon il Comune di Pescara.




Articoli correlati

  • Di Matteo, il retroscena su Diodati9 Novembre 2018 Di Matteo, il retroscena su Diodati Di Matteo a testa bassa. Accuse alla gestione accentratrice di Luciano D’Alfonso alla Regione, alla visione anti-democratica dell’ex governatore, all’assenza di politiche sociali e per […]
  • Caputi va, Dezio raddoppia5 Ottobre 2018 Caputi va, Dezio raddoppia Il giorno del passaggio delle consegne è lunedì 8 ottobre: per quella data il direttore generale del Comune di Pescara Pierluigi Caputi andrà in pensione. Approdato nel capoluogo adriatico […]
  • Dalfy sistema la segretaria25 Aprile 2018 Dalfy sistema la segretaria Una nomina tira l’altra. Se qualcuno aveva ancora qualche dubbio sul motivo che induce Luciano D’Alfonso a mantenere il piede in due staffe, presidente di Regione in Abruzzo e senatore a […]
  • Civitarese sbatte la porta8 Marzo 2018 Civitarese sbatte la porta Ecco, come fanno sbagliano, e come sbagliano frana un altro pezzo dell’impero dalfonsiano. Così ieri, nel giorno in cui la giunta Alessandrini ha deciso il colpo di reni, vogliosa di […]