·Che giustizia è questa·

Non è questa l’immagine che mi hanno insegnato a rispettare, le istituzioni in cui avevo imparato a credere, la porta sicura alla quale bussare, affidarsi, per avere giustizia. Ma qui non si tratta neppure e non solo di giustizia, ma di sicurezza, equità, protezione. Sono disorientata, sconcertata, e anche indignata davanti all’immagine di una procura  e di forze investigative indifferenti che lasciano a piede libero, senza un ammonimento una diffida, un niente di niente, un tizio che ha preso a sprangate un avvocato di Sulmona, Vincenzo Colaiacovo, un avvocato mite, onesto, perbene. E che lasciano la vittima alla mercé del suo aggressore, perché nel frattempo Vincenzo è uscito dall’ospedale, dopo essere stato in pericolo di vita, e quel tizio potrebbe ritrovarselo di nuovo sotto casa, potrebbe minacciare e pestare ancora lui, i suoi figli, la sua compagna, condannati dai tempi biblici della giustizia a vivere guardandosi sempre alle spalle. 

No, non è questa l’immagine che mi hanno insegnato a rispettare, ed è da parecchio che le mie convinzioni hanno iniziato a vacillare, ma questa volta bisogna dirlo, questa volta c’è di mezzo la sicurezza, la vita di una persona, il sacrosanto diritto di interrogarsi sulla reale capacità di uno Stato di difenderci. Il caso di Vincenzo Colaiacovo mi fa pensare alle centinaia di donne uccise da mariti, compagni, fidanzati dopo avere inutilmente denunciato atti di violenza, stalking, minacce. Segnali e denunce caduti nel vuoto.

Non è la prima volta che la magistratura, giustamente autonoma nell’amministrare la giustizia, compie azioni lontane, lontanissime dal sentire comune. E il sentire comune, aspettate ad arricciare i nasi, non è concetto estraneo alla giustizia: è a essa così connaturato che la giurisdizione nei casi più gravi è affidata a corti composte da giudici popolari e togati.

E allora mi chiedo cosa accadrà, domani per esempio, se io tu voi incontrassimo sotto casa un assassino o un pazzo o un rapinatore che ci dovesse prendere a sprangate. Andremmo ancora a denunciare? E ogni insoddisfatto, deluso, arrabbiato, domani sarà legittimato a prendersela con l’avvocato della controparte, a massacrarlo di botte, sicuro di farla franca? 

Vorrei dirvi che non è vero, che la giustizia è altro, e’ quella in cui ci hanno insegnato a credere, quella lì. Del poliziotto buono, del giudice onesto e del ladro cattivo.

Invece no, la brutta pagina che si sta consumando a Sulmona, ci dice proprio di no. 




Articoli correlati

  • San Raffaele, l’aumento del budget bocciato dal ministro29 Gennaio 2020 San Raffaele, l’aumento del budget bocciato dal ministro La Regione Abruzzo vuole aumentare il budget alla clinica privata San Raffaele di Sulmona, e riconoscere quindi alla struttura il trattamento dell’”alta complessità” aumentando il tetto […]
  • Mafia e criminalità, ecco l’isola infelice15 Ottobre 2019 Mafia e criminalità, ecco l’isola infelice Ci sono fatti noti e fatti che nessuno conosceva. C’è soprattutto un’isola felice che non è mai stata felice, e però ce l’hanno fatto credere. L’Abruzzo e Sulmona sono stati i […]
  • Sulmona, che Sgarbi20 Settembre 2019 Sulmona, che Sgarbi di Teresa Nannarone "Prima di tutto vennero a smontare una villetta alla cui ombra di un pino marittimo gli anziani da decenni si fermavano a riposare. Al posto della vecchia […]
  • Apperò Teresa, l’anti-Salvini29 Gennaio 2019 Apperò Teresa, l’anti-Salvini Ha sfidato la Digos, che da sotto il suo studio cercava di capire chi avesse appeso quello striscione.  Se n’è infischiata del divieto di circolazione anche per le auto dei […]