·C’è Pagano, non vado·

Concludeva così la mail, il coordinatore di Forza Italia in Abruzzo Nazario Pagano:

<Ti esorto a diffondere l’invito affinché possa partecipare ogni nostro sostenitore>.

E non si capisce se poi nessuno ha diffuso, o se non ha diffuso lui, fatto sta che ieri alla riunione del coordinamento degli azzurri a Pescara, i sostenitori si contavano sulle dita di una mano. C’erano proprio quattro gatti. Senza manco il Gatti vero, Paolo, arrivato in ritardissimo.

azzurri1

Che Pagano sia sull’orlo del precipizio, si capisce dal tenore delle risposte alla sua lettera di convocazione. Defezioni a mille, molte polemiche a distanza e tantissimi mal di pancia. Lorenzo Sospiri, per esempio, c’aveva il dentista. Antonio Razzi sostiene di non aver ricevuto la mail. Fabrizio Di Stefano gli ha risposto con una mail che se gli dava una coltellata era meglio.

<Essendo la tua comunicazione di sole 36 ore fa, non ho potuto liberarmi dagli impegni del pomeriggio, e pertanto non potrò partecipare alla riunione del coordinamento (che mi pare sia anche la prima del 2015). Così come non parteciperò alla manifestazione del 17, di cui già sapevo, perché ampiamente pubblicizzata su Facebook gia da giorni, poiché come dovresti sapere, siamo impegnati alla Camera con la legge di stabilità. Non volendo pensare alla malafede, auspico un maggior e miglior raccordo per il futuro>.

azzurri3

Gente allegra il ciel l’aiuta

E insomma, dalla mail di Di Stefano si capisce che: 1) Pagano fino a ieri non aveva mai convocato il coordinamento del partito; che ha mandato gli inviti in ritardo forse sperando di tenere lontani quelli che non lo amano molto; che quelli che non lo amano molto non li ha invitati  manco alla manifestazione del 17 a Francavilla; e che quindi è in malafede.

azzurri2

Soprattutto, l’incontro del 17 si concludera’ con la classica cena di autofinanziamento per gli auguri di Natale. Servono soldi. Anche perché, dopo che Razzi aveva annunciato di voler affittare una nuova sede, visto che lo storico appartamento di piazza Salotto a Pescara era stato lasciato, Pagano si è precipitato a trovare in fretta e furia un monolocale. E lo ha trovato un po’ più in periferia, in via Raffaello, retrobottega della Regione. Talmente in fretta che non ha fatto manco in tempo ad addobbare l’alberello di Natale alla sua destra. Segno del declino, anche questo (prima c’erano frotte di collaboratrici pronte a farlo).

Per il resto, alla riunione si sono visti tra i pochi altri Mauro Febbo, Emilio Nasuti, Gianni Chiodi, Maurizio Brucchi, Antonella Di Nino, Emilio Iampieri. Al tavolo presidenziale, con Pagano accomodata Paola Pelino, che ha trovato il modo di strapazzare Chiodi per l’adesione a Idea, il movimento di Gaetano Quagliariello; Pagano di rampognare Febbo, reo di fare il saluto romano (anzi, gli ha detto <non degno di stare in Forza Italia>), e poi le solite lamentele per le sortite di Antonio Razzi.

Dalle zampogne alle rampogne: che triste il Natale di Forza Italia.




Articoli correlati

  • Gli ex An tutti da Giorgia18 Dicembre 2015 Gli ex An tutti da Giorgia Alla fine, resta in sella. Nazario Pagano è stato confermato coordinatore di Forza Italia in Abruzzo, nonostante la ridda di voci su un imminente commissariamento, nonostante […]
  • Sono Razzi di Pagano7 Settembre 2015 Sono Razzi di Pagano Passate le fatiche estive. Passati gli arrosticini condivisi con i teramani. Passata la buriana, pensa lui, ha convocato una riunione. In un giorno infelice: quando quasi tutti gli azzurri […]
  • Girotondo azzurro19 Dicembre 2015 Girotondo azzurro Forse sarebbe stato meglio che se ne fossero andati subito. Invece no, per il momento restano. Gli ex An stanno a guardare e molti di loro sono decisi a fare la guerra dall'interno, una […]
  • Per un Pelino col Pd12 Giugno 2016 Per un Pelino col Pd Spaccati, divisi, in frantumi. L’idea di Nazario Pagano di apparentarsi con Bruno Di Masci a Sulmona, e proprio in queste ore la parlamentare ex regina dei confetti Paola Pelino dovrebbe […]