·Caputi va, Dezio raddoppia·

Il giorno del passaggio delle consegne è lunedì 8 ottobre: per quella data il direttore generale del Comune di Pescara Pierluigi Caputi andrà in pensione. Approdato nel capoluogo adriatico dopo una lunga esperienza alla Regione, si lascia col sindaco Marco Alessandrini in pessimi rapporti, molto condizionati dalla sudditanza che il primo cittadino ha nei confronti dell’ex presidente della Regione Luciano D’Alfonso. 

Pierluigi Caputi

Una letteraraccia, che il dg gli ha scritto una decina di giorni fa, ha messo la parola fine a un rapporto professionale ma anche umano nato sotto i migliori auspici e che si è poi andato logorando. L’oggetto del contendere? La sudditanza.

Il suo successore, nominato ieri dalla giunta, è Guido Dezio.

D’Alfonso e Dezio

Che di incarichi ne ha già a bizzeffe: è  Direttore Dipartimento Amministrativo, Dirigente Settore “Gabinetto del Sindaco”, Dirigente Settore “Tributi”, oltre che vice presidente della Tua, la società dei trasporti regionale. Adesso, il fedelissimo di D’Alfonso farà l’ein plein.

ps:  Così Dalfy, uscito dalla Regione, rientrerà dalla finestra: dal Comune, pardon.




Articoli correlati

  • Caputi kaputDicembre 30, 2015 Caputi kaput E ieri alla Regione hanno tentato il blitz salva-Caputi. Una nuova delibera predisposta dalla presidenza stabiliva che il dirigente che avesse assunto un incarico presso un'altra […]
  • Caputi ricapitaDicembre 31, 2015 Caputi ricapita Adesso è una questione di muscoli. E Luciano D'Alfonso ieri mattina ne ha fatto esibizione, come un culturista dopato sul palcoscenico: Pierluigi Caputi, a dispetto delle leggi e delle […]
  • Poltrone per tutti in ComuneGennaio 12, 2017 Poltrone per tutti in Comune La rivoluzione è pronta, almeno nella testa del sindaco. Prima ancora, nella testa del presidente della Regione Abruzzo Luciano D’Alfonso: il Comune di Pescara sta predisponendo un […]
  • Tommaso congelatoMaggio 20, 2017 Tommaso congelato Tutto congelato. Finisce nel freezer per il momento la poltrona d’oro di Tommaso Di Biase all’Ersi. Il nuovo direttore generale da 200 mila euro l’anno non potrà insediarsi, non ancora. […]