·Candidatura, la delibera farlocca·

Detto fatto: Dalfy chiede, Lolli esegue. Ma la delibera numero 39 del 2 febbraio scorso, quella con la quale la Regione Abruzzo autorizza il governatore Luciano D’Alfonso a fare campagna elettorale, è una delibera farlocca. O illegittima, c’è da scegliere.

Insomma, la giunta (assenti Di Matteo, Gerosolimo e Sclocco), approva il fatto che il presidente non faccia il presidente, o che lo faccia a scartamento ridotto, e che pertanto (lo decide lui) il suo stipendio verrà decurtato di un terzo.
In pratica, la delibera dice che siccome Dalfy è candidato al Senato, e siccome ha manifestato l’esigenza “di essere ulteriormente supportato in campagna elettorale dalle persone fisiche e giuridiche che collaborano nella gestione dell’Ente Regione nel disbrigo delle questioni istituzionali”, e siccome ha sollecitato la massima collaborazione da parte del vicepresidente “nella sovrintendenza quotidiana delle necessità della Regione per il disbrigo di tutte le attività di ordinaria e straordinaria amministrazione”, siccome tutto questo, allora ne prende atto e incarica Lolli di fare le veci di Dalfy.

Poi, per carità, la delibera dice anche che la macchina di rappresentanza sarà usata dal presidente solo per i compiti istituzionali e che lui userà solo il telefono suo personale e che, ciliegina sulla torta, le sue competenze economiche saranno decurtate di un terzo, “in considerazione del tempo dedicato alla campagna elettorale”, e con tutto questo carico di buone intenzioni viene  firmata da Fabrizio Bernardini, in questo caso nelle vesti di segretario di giunta, perché il segretario di giunta vero e proprio cioè Daniela Valenza chissà perché non firma.
Adesso, posto che è difficile dimostrare che il presidente faccia campagna elettorale solo per un terzo della giornata, e che non usi i mezzi della Regione quando fa campagna elettorale, la Giunta non potrebbe autorizzare nessuno e tantomeno il presidente a fare campagna elettorale. Un pasticcio, una presa per i fondelli.
ps: Inutile questo sfoggio di rigore: rigore e correttezza veri avrebbero voluto che Dalfy si dimettesse. Punto e basta.




Articoli correlati

  • Filoni & fifoniFebbraio 1, 2018 Filoni & fifoni Lolli, pensaci tu Un teatrino, destinato a un pubblico non proprio sveglio. Ieri la conferenza stampa per spiegare il motivo della vocazione che lo porta a candidarsi al Senato, oggi la […]
  • Va tutto bene madama la MarchesaLuglio 18, 2017 Va tutto bene madama la Marchesa Va tutto bene madama la Marchesa. Comincia un’ora dopo per aspettare il governatore e si interrompe alle 21.30 perchè nel frattempo si è fatta l’ora di cena: l’imborghesimento del Pd si […]
  • Pd, Partito D’AlfonsoGennaio 27, 2018 Pd, Partito D’Alfonso Poi, nella notte un po’ di cose sono cambiate. Anzi, all’alba di questa mattina come in ogni conclave che si rispetti, qualcuno entrato papa è uscito cardinale. E non c’entrano gli […]
  • E anche Lolli, nel suo piccolo….Maggio 3, 2018 E anche Lolli, nel suo piccolo…. E adesso basta. Con Dalfy non è possibile nessuna collegialità o condivisione, e allora si accollasse pure le sue responsabilità. E’ fine di un amore, ammesso che non sia stato invece un […]