·Candidati (veri e finti) in pista·

Insomma, è cominciata: le liste non sono ancora ufficiali, su molti nomi ci sono ancora perplessità, ma i candidati alle prossime elezioni Regionali abruzzesi si sono buttati in pista. La campagna elettorale è ufficialmente partita. I primi seixtre comparsi sui muri di Lanciano sono quelli dell’assessore alla Sanità Silvio Paolucci, che si autopromuove con cifre da record. Nessun aumento di tasse, scrive Paolucci (glissando sui tagli delle imposte annunciati con comunicati e conferenze stampa a cominciare dal superticket, e mai attuati), sui milioni investiti, sul debito la cassa il commissariamento che non c’è più e tutto accompagnato con un sorriso ampio che non è certo quello delle migliaia di pazienti che si scontrano giornalmente con liste di attesa chilometriche e servizi e assistenza sanitaria da profondo sud. 

Poi c’è Antonio Di Marco, l’ex presidente della Provincia di Pescara indagato per la tragedia di Rigopiano, che venerdì scorso durante la segreteria provinciale Pd ha dato la sua disponibilità a candidarsi: ma sul suo nome, fortemente sponsorizzato da Luciano D’Alfonso, pende il veto di Giovanni Legnini.

E un altro, attivissimo sui social, e con un vestito nuovo da ambientalista e fortemente convinto è il sindaco di Rapino Rocco Micucci, candidato alle Regionali con Fratelli d’Italia: il suo slogan, anzi il suo hashtag è #adesso, come se non ci fosse un domani. E in effetti per uno che ha fatto di tutto, passando dal centrodestra alle simpatie per Renzi e il centrosinistra (e confermato da Dalfy ai vertici Fira) meglio puntare tutto su #adesso e non volgere lo sguardo al passato. E il futuro chissà. Insomma, da Rapino Micucci prepara il grande salto in Regione: e a quanto pare è l’unico che punta fortemente su Marsilio, definito da lui “il miglior candidato possibile per l’Abruzzo”. Per ora è l’unico a crederci. 

ps: il resto della coalizione è ancora convinto che quel nome possa essere accantonato: i sondaggi infatti lo danno perdente, mentre il centrodestra vorrebbe provare a vincere, Legnini e Marcozzi permettendo.





Articoli correlati

  • Bestiario elettoraleGen 18, 2018 Bestiario elettorale Fanno un brutto effetto le elezioni. Bruttissimo. I primi segni si cominciano già a manifestare e i social sono pieni di idiozie preelettorali. I candidati, o i candidabili, sono in testa […]
  • Dalfy-Di Nicola, che matchFeb 23, 2018 Dalfy-Di Nicola, che match Si sono incrociati sulla porta, uno usciva l’altro entrava, ed è stato subito match. Toni bassi, ma contenuti di fuoco. Primo Di Nicola, l’ex direttore del Centro e ora candidato al […]
  • Dalfy, la sordina dei prefettiGen 10, 2018 Dalfy, la sordina dei prefetti C’è voluta una nota della prefettura per ricordare al presidentissimo Luciano D’Alfonso che non può fare campagna elettorale. E non può farla con i mezzi e il logo della Regione (e neppure […]
  • Gran circo DalfyFeb 15, 2018 Gran circo Dalfy Cinquecento, ottocento, mille. Ma cosa importa. Cosa importa a un presidente di Regione muscolare impettito e arrogante se lì sabato sera al Palaettra-due per l’apertura della campagna […]