·Blitz del Pd sulla legge elettorale·

E alla fine se ieri sera la modifica alla legge elettorale non è stata approvata, è stato grazie a un escamotage. Ma non è detta l’ultima parola: stamattina ci riproveranno. 

Erano all’incirca le 21.30 quando Mauro Febbo, di Forza Italia, ha chiamato il direttore del personale della Regione Abruzzo e lo ha invitato a intervenire in commissione Statuto per censurare il fatto che i dipendenti della Regione fossero al lavoro da oltre 13 ore. A quel punto la seduta è stata sospesa. Stamattina gli azzurri riproporranno centinaia di emendamenti alle modifiche elettorali proposte dal Pd, e sperano di ostacolarne l’approvazione anche in Consiglio regionale, che è convocato a seguire.

Mauro Febbo

Ieri alla fine la Commissione Bilancio ha approvato soltanto le leggi sulla Nuova Pescara e sull’Aquila capoluogo. 

Maurizio Acerbo

Sandro Mariani

Le modifiche più contestate, che portano la firma del capogruppo Pd Sandro Mariani, prevedono lo sbarramento dell’8 per cento per i partiti che corrono da soli, una soglia palesemente incostituzionale, e del 4 per cento per quelli che corrono in coalizione (ora la legge prevede 2 e 4 per cento).

“Evidente il tentativo di colpire la costruzione di un polo della sinistra, ambientalista, dei movimenti, che avrebbe potuto togliere seggi al PD – commenta Maurizio Acerbo, segretario di Rifondazione comunista – Insomma l’ennesimo tentativo di risolvere per via legislativa il probabile crollo di consensi al PD (mentre non pervenute ci risultano reazioni indignate da 5 stelle e destre varie), colpendo la democrazia, l’effettiva rappresentanza e la rappresentatività delle istituzioni”.

Ma reazioni indignate ci sono state anche da Sinistra italiana, Leandro Bracco e 5 stelle.

L’altra modifica chiesta dal Pd riguarda i tempi previsti per le dimissioni dei sindaci che si vogliono candidare (e che si estende anche ad altre cariche): da 7 a 60 giorni. Un emendamento, questo, che secondo Forza Italia dovrebbe consentire al vice presidente del Csm Giovanni Legnini (che scadrà il 24 settembre) di potersi candidare. 

Oggi in Commissione prima e in Consiglio regionale dopo, un’altra giornata di battaglia.





Articoli correlati

  • L’ultima notte della RegioneAgosto 8, 2018 L’ultima notte della Regione Una telenovela. Ieri sera, alle otto passate da un pezzo, Luciano D’Alfonso ha diramato un’altra annunciazione. Non usa però la parola dimissioni, che per lui è una specie di tabù (e anche […]
  • Pd, fuga dal conclaveDicembre 18, 2017 Pd, fuga dal conclave Un flop. Un Pd in fuga, costretto a chiudere le saracinesche in fretta a furia a fine mattinata, quando il programma prevedeva di tirare avanti fino al pomeriggio. “Difetto di prevendita”, […]
  • Quanto è povero l’EmicicloMarzo 23, 2017 Quanto è povero l’Emiciclo Il più ricco è Mauro Febbo, il più povero Pietro Smargiassi dei Cinque stelle. E’ questa la classifica dei redditi dei 31 consiglieri regionali abruzzesi. Il reddito imponibile del […]
  • Chi rovina la festa a D’AlfonsoGiugno 21, 2015 Chi rovina la festa a D’Alfonso L'esperienza insegna. E siccome una delle ultime volte l'esperienza gli ha insegnato che si può andare sotto come se nulla fosse, meglio serrare le fila. E che è meglio farlo di persona, […]