·Beati gli invitati alla cena di Silvio·

Si sono arrabbiati tutti. A Teramo, perché Silvio Berlusconi non è andato lasciando con un palmo di naso gli azzurri accorsi ad applaudirlo: come? qui non viene con la scusa dell’influenza e poi va a Pescara al porto turistico, con tutta l’umidità che c’è. Insomma, un pretesto, un’offesa, un insulto. E inutile è stato riconsolarli dicendo che tanto tornerà, non hanno abboccato, ma figuriamoci. Più che di virus (influenzale) si è pensato piuttosto a un virus da flop (in fondo ad aspettarlo c’erano solo un centinaio di persone).

E si sono arrabbiati i candidati di Forza Italia al Consiglio regionale, a cominciare da Mauro Febbo per finire a Lorenzo Sospiri perché non sono stati invitati alla cena che giovedì sera ha organizzato Antonio Martino nella sua casa di campagna, ospite d’onore naturalmente Silvio non ancora raffreddato e una sessantina di imprenditori che, a quanto pare, sono scesi a trenta, perché ci sono state un sacco di defezioni: con la scusa dell’influenza, anche in questo caso. In realtà per molti è stato meglio non partecipare, non schierarsi, non farsi vedere con chi a dispetto di tutto potrebbe ritrovarsi perdente: con questi sondaggi corpo a corpo, meglio restare sott’acqua, non si sa mai. A casa Martino quindi si sono ritrovati imprenditori di Chieti e di Pescara, che appena sciolta la riunione alla Camera di Commercio di Chieti, cominciata tardissimo a causa della macchina di Angelo De Cesare parcheggiata all’ingresso del portone di piazza Vico che ha fatto scattare l’allarme bomba, si sono diretti verso le campagne pescaresi. Nel gruppo anche i De Cesare, padre e figli, accolti nonostante avessero fatto aspettare Berlusconi in mezzo alla strada in attesa che la polizia completasse gli accertamenti.

L’auto di De Cesare

Sì, si sono arrabbiati molto Febbo e Sospiri perché non sono stati invitati. Inutilmente Martino si è giustificato sostenendo che la cena era riservata solo agli imprenditori e che no, “non c’erano i candidati”, ma allora che senso aveva far venire Berlusconi proprio in campagna elettorale e soprattutto allora come mai Marco Marsilio c’era e gli altri no? 

Martino e Berlusconi a cena

Insomma, quella cena ha destato un sacco di sospetti. Intanto perché Berlusconi all’Aquila se n’era uscito con quella frase che aveva gettato scompiglio nella coalizione di centrodestra, “Marsilio è la persona che NON ci farà vincere le elezioni”, a quanto pare replicata anche durante la conferenza nell’auditorium dell’Ance, e poi perché Martino viene da una esperienza alla Leopolda e vanta un’antica amicizia con Giovanni Legnini. Ma insomma, questo è complottismo bello e buono.

Più verosimilmente, è stata una semplice scortesia: Berlusconi voleva farsi una serata in tranquilla compagnia.

ps: La campagna elettorale tanto la fa Matteo Salvini.




Articoli correlati

  • Salvini-Berlusconi, 4 a 228 Febbraio 2019 Salvini-Berlusconi, 4 a 2 Dopo lo sbotto, l’accordo. Salvini e Berlusconi hanno stretto il patto per l’Abruzzo, e l’hanno fatto dopo l’altolà del ministro dell’Interno a Forza Italia, lanciato dai microfoni di […]
  • Il Corriere dello Spot14 Ottobre 2015 Il Corriere dello Spot Tra il dire e il fare lo sapete tutti cosa c'era di mezzo. Adesso in mezzo invece del mare c'è una campagna: ma una campagna di comunicazione mai vista prima che il presidente della […]
  • Forza Italia, si saldi chi può30 Ottobre 2018 Forza Italia, si saldi chi può E adesso si mette davvero male. O bene, a seconda dei punti di vista. Ieri sera Silvio Berlusconi ha lanciato l’ultimatum alla Lega: se non lascerà i Cinquestelle alle prossime elezioni […]
  • La riffa delle candidature9 Gennaio 2018 La riffa delle candidature Eccoli di nuovo i 6 per 3. Il grande baraccone della pubblicità in formato elezioni è partito, il Pd in prima linea: ieri hanno fatto la loro comparsa in vari angoli di Pescara, e anche a […]