·Aumenti ai manager, a Chieti Schael·

E’ Thomas Schael il nuovo manager della Asl di Chieti, è stato nominato ieri dalla giunta regionale abruzzese e lui ha già accettato. Un giorno fortunato non solo per lui ma per tutti i manager della sanità: Marsilio & c. ieri hanno infatti deciso di aumentare di 40 mila euro i già sostanziosi stipendi dei direttori generali, portandoli a 149 mila euro lordi. Uno schiaffo in faccia per Francesco Zavattaro (e per tutti quelli che non arrivano a fine mese), il manager individuato in prima battuta per la Asl di Chieti che ha rifiutato proprio perché non aveva ricevuto risposte alla sua richiesta di adeguare i compensi, suoi e di conseguenza dei direttori sanitario e amministrativo. 

Thomas Schael

Schael, che viene dalla sanità calabrese (con la Regione Calabria ha in piedi un contenzioso di 400 mila euro), in realtà un legame con l’Abruzzo ce l’aveva già: è sposato in seconde nozze (la prima moglie, di Cutro in provincia di Crotone, è morta molto giovane), con l’attrice milanese Caterina Vertova, che tempo fa aveva un legame con un noto ottico dell’Aquila e per questo frequentava la città. Ecco come l’attrice racconta suo marito: 

“Ho quattro figli di cui due li ho partoriti e due sono di quel signore che oggi è mio marito. Lui si chiama Thomas, è tedesco e l’ho conosciuto perchè si occupa di sanità. Lui era in Calabria dove le donne non facevano il pap test e io sono andata a fare una campagna per sensibiizzare le donne a sottoporsi agli esami clinici necessari per prevenire la malattie” – ricorda l’attrice che poi aggiunge – “Io all’epoca avevo un’altra storia d’amore. Poi, con il tempo, ci siamo innamorati e oggi siamo sposati da 15 anni. Ha questa aria tedesca, vera e sincera. Rispetto all’itaiano un po’ arruffone, lui ha quest’aria integra”,

spiega la Vertova.

Caterina Vertova

Insomma, adesso ci sarà un motivo in più per tornare in Abruzzo.

Troverà uno stipendio più “adeguato”, Thomas Schael: è questo il termine che usa Marsilio per giustificare l’aumento di 40 mila euro ai compensi dei manager. In un momento di crisi, in cui si taglia, si lima, si risparmia sui costi e sui servizi sanitari, qui si aumenta:

“La Regione Abruzzo, adeguando il compenso a 149.000 euro annui lordi, pur continuando ad essere una delle più “sobrie” (solo la Calabria ha un’indennità leggermente inferiore – spiega una nota dell’ufficio stampa – tutte le altre sono pari o superiori a tale importo), può da oggi collocarsi in una condizione di attrattività e di competitività almeno pari alle altre Regioni. L’attuale livello retributivo, inferiore di circa 40.000 euro alla media nazionale, rendeva la sanità abruzzese difficilmente “appetibile” per i manager, e non adeguare tale importo stava producendo come risultati la mortificazione e il declassamento della nostra Regione”.

Insomma, pare di capire che Schael, che viene proprio dalla Calabria, avrebbe trovato qui comunque un compenso superiore. Che adesso Marsilio gli ha ulteriormente aumentato. 

ps: povero Zavattaro, evidentemente lui proprio non ce lo volevano.




Articoli correlati

  • Chi è Schael, in rampa di lancio per la Asl di ChietiSettembre 7, 2019 Chi è Schael, in rampa di lancio per la Asl di Chieti In Abruzzo lo dipingono come un grande manager, in grado di rimettere i conti a posto, anche quelli super disastrati della sanità teatina. In realtà Thomas Schael, altoatesino con legami […]
  • Regione, lite continua. Chieti, alla Asl arriva SchaelSettembre 5, 2019 Regione, lite continua. Chieti, alla Asl arriva Schael Altro che rose e fiori. Non ci sono solo Forza Italia e Fratelli d’Italia a manifestare malumore per lo strapotere della Lega, in seguito all'esclusione dal vertice di maggioranza ieri è […]
  • Manager, Tordera non c’è piùFebbraio 13, 2018 Manager, Tordera non c’è più Sorpresa, ma non troppo. Bocciato dal ministero della Salute il manager della Asl dell’Aquila Rinaldo Tordera: non ha i cinque anni di direzione continuativi e non può fare il manager. […]
  • Manager promossi con l’aiutinoOttobre 10, 2017 Manager promossi con l’aiutino Senza clamori, senza annunci, senza uno straccio di avviso o di comunicato. Zitti zitti, piano piano. Che è già un’anomalia da parte della Regione più generosa di comunicati di tutto il […]