·Apperò, una villa a 60 euro·

Una casa a 60 euro, un sogno possibile. Lo racconta Dagospia e ha come teatro Carapelle Calvisio. James Abbott e la sua compagna Lea si innamorano di questo incantevole borgo medievale abruzzese. Poi però decidono di mettere in vendita la villa acquistate qui, nel cuore del Gran Sasso. Ma è difficilissimo, non ci sono offerte. Così James e Lea, per sfuggire alla crisi del mercato, decidono di inventarsi una lotteria. Acquistando un biglietto da 50 sterline, circa 60 euro, gli amanti del gioco (e dell’Italia) potranno sperare di vincere il prezioso bottino. Il montepremi è così suddiviso: terzo premio, una bella razione di cibo locale comprese alcune bottiglie di vino. Secondo premio, 10 mila sterline in contanti. Primo premio, quello più importante, la casa a Via Villa Nuova 5, a Carapelle Calvisio appunto. La villa è valutata 275000 sterline (320 mila euro circa): tre stanze da letto, circondata dal verde.

James Abbott ha messo a disposizione 6 mila biglietti, ne ha già venduti la metà ma per riuscire a ottenere il suo obiettivo deve arrivare a quota 4 mila:

Abbiamo provato a venderla con i soliti canali, affidandoci anche ad agenti immobiliari in ambito internazionale, ma il mercato è abbastanza fermo e il costo della pubblicità comincia a lievitare. Non abbiamo avuto grandi proposte e allora abbiamo deciso di far partire questa lotteria.

La casa di tre piani si trova ai margini di Carapelle Calvisio. La villa viene messa in palio tutta arredata e all’interno è conservata una scala di pietra originale. C’è anche il giardino e la terrazza. La famiglia Abbott ha creato un sito internet per partecipare al concorso:

Volevamo essere trasparenti, abbiamo spiegato tutto nei dettagli sperando di poter attirare le persone a questa lotteria.

Il gioco sarà aperto fino al 30 settembre o fino all’esaurimento dei tagliandi. L’estrazione avverrà alla fine di ottobre. I dettagli del concorso potete trovarli, in lingua inglese, sul sito winahouseinitaly.co.uk

ps: Apperò che bella idea, mister Abbot.




Articoli correlati

  • Apperò Americo, che gran rifiuto3 Agosto 2017 Apperò Americo, che gran rifiuto Trovatelo, uno che gli abbia detto no. Che gli abbia risposto picche.  Che bella lezione di stile, Americo Di Benedetto. E’ a lui, al candidato sindaco sconfitto del centrosinistra […]
  • Apperò, Rotondi si vergogna14 Maggio 2018 Apperò, Rotondi si vergogna Lui, proprio lui. Quello che difendeva i vitalizi dei parlamentari, che diceva fino a qualche tempo fa che gli stipendi dei politici non erano abbastanza, lui Gianfranco Rotondi che […]
  • Apperò, un Campiello abruzzese11 Settembre 2017 Apperò, un Campiello abruzzese Grazie, Donatella Di Pietrantonio: la scrittrice abruzzese ha vinto la 55esima edizione del Premio Campiello con il suo bellissimo libro edito da Einaudi, L’Arminuta. Apperò, […]
  • La festa non è Tua21 Ottobre 2016 La festa non è Tua Che gran festa per brindare al primo utile di Tua, la società di trasporti regionale: è costato 26 mila euro quell'ambaradan. Peccato che l’utile fosse solo di 19 mila euro. Il resto lo […]