·Apperò, Rotondi si vergogna·

Lui, proprio lui. Quello che difendeva i vitalizi dei parlamentari, che diceva fino a qualche tempo fa che gli stipendi dei politici non erano abbastanza, lui Gianfranco Rotondi che evidentemente ora conosce la vergogna. Così qualche giorno fa, il deputato di Forza Italia se n’è uscito con una richiesta che gli ha provocato mille maledizioni dal mondo politico: il Parlamento è fermo, non è giusto che deputati e senatori percepiscano lo stipendio. Davvero? Proprio lui dice una cosa del genere? Apperò Gianfranco Rotondi.

 

“Sì, è una questione di dignità, di mettersi in sintonia col popolo. Noi stiamo vivendo una situazione inedita: un Parlamento fermo, in cui gli eletti in due mesi hanno incassato 24 mila euro senza aver lavorato nemmeno un’ora”.

Giusto, giustissimo. E in effetti ci sono costati un botto questi due mesi di fermo attività: 12 miliono di euro al mese complessivi ottenuti da 945 tra deputati e senatori. Per i membri della Camera viene indicata un’indennità netta di circa 5 mila euro, una diaria a titolo di rimborso spese per l’esercizio di mandato i 3.690 euro, e di una cifra tra i 3.323,70 e i 3.995,10 euro per il rimborso di spese di trasporto e viaggio. Per i membri del Senato invece vengono indicati: circa 5mila euro netti di stipendio, 3.500 euro per la diaria, 1.650 di rimborso forfetario e 2.090 per l’esercizio del mandato. Insomma una lunga vacanza retribuita. Alla quale hanno avuto accesso anche i nostri parlamentari abruzzesi, a cominciare dal governatore uscente ma non ancora uscito Luciano D’Alfonso, il suo fedelissimo Camillo D’Alessandro e lo stesso Rotondi.

In fondo non è proprio questo gran lavoro

Naturalmente le parole del deputato azzurro sono cadute nel vuoto, giusto qualche titolo di giornale e niente più. Ma almeno è la prova che sono lontani i tempi in cui lui diceva che gli stipendi dei parlamentari erano miseri, che alla Camera si lavorava troppo e che i vitalizi erano sacrosanti e che insomma, la politica è una professione. Solo due anni fa. L’operazione antipatia dell’ex ministro del governo Berlusconi adesso è cancellata: un po’ perché gli italiani hanno la memoria corta e un po’ perché questa pillola di sacro populismo gli ha consentito di sorpassare a sinistra gli stessi pentastellati.

ps: Apperò, Rotondi, un po’ di vergogna la provi anche tu.




Articoli correlati

  • Attenti all’AquilaMaggio 23, 2016 Attenti all’Aquila Sembra una battaglia tutta aquilana uno scontro per le candidature una resa dei conti una guerra dei nervi. E in parte lo è. Ma è da qui, L'Aquila Abruzzo Italia, che parte la crociata […]
  • Apperò che bella la sposa del mareNovembre 26, 2018 Apperò che bella la sposa del mare Succede sempre così, succede che la scopra prima il New York Times e che qui, invece, boh mai sentita prima (a parte qualche eccezione). Succede che si liquidi tutto con un’alzata di […]
  • Apperò Gravina, che scalataOttobre 15, 2018 Apperò Gravina, che scalata Il count down entra nel vivo, mancano sette-giorni-sette all'intronizzazione di Gabriele Gravina al vertice del calcio italiano. Elezione scontata per il candidato unico alla presidenza […]
  • L’Aquila, chi la costruirà?Agosto 7, 2017 L’Aquila, chi la costruirà? Chi c’è dietro la ricostruzione, anzi davanti? Chi la ricostruisce, L’Aquila? No, non le risate gli imprenditori gli affari le pastette. Ma il sudore, il lavoro, la fatica. Quella di […]