·Apperò le Sise delle monache·

Altro che photo opportunity. Addentava di gusto, Mauro Uliassi, quella prelibatezza di pan di spagna, crema e zucchero a velo dal gusto ipnotizzante e dal nome strano e vagamente irriverente: le Sise delle monache, specialità di Guardiagrele che molti dentro e fuori Abruzzo conoscono. Molti, ma non tanti e soprattutto non tutti quelli che il piccolo gioiello di pasticceria meriterebbe.

Quello scatto torna d’attualità oggi che l’illustre assaggiatore balza sul tetto del mondo grazie alle tre stelle conquistate nella Guida Michelin. Lo posta, con motivato orgoglio, Emo Lullo, discendente del creatore Giuseppe Palmerio, che con il collega Nino Di Santo, titolare invece dell’insegna Palmerio, condivide ricetta originale, segreti e leggenda delle Sise. Ora, sorvolando sul fatto che il derby  tra Lullo e Palmerio è uno di quei dualismi italici destinati a produrre eterna contrapposizione di fazioni, al pari di Guelfi-Ghibellini, Bartali-Coppi e, restando in Abruzzo, Fratelli e Sorelle Nurzia, resta l’inconfutabile dato cronologico: un anno fa la rincorsa di Uliassi alla terza stella – successo tanto più prestigioso se paragonato al concomitante fallimento di Cracco – era  in pieno svolgimento. E non c’è dubbio che le Sise delle monache, con la loro stramba forma a tre capezzoli (a voi la scelta tra la derivazione dalle napoletane Zizze d’a Regina o dalle vette della Majella che sovrastano Guardiagrele, su cui la leggenda indugia) abbiano portato un sacco di fortuna allo chef di Senigallia. Tante stelle Michelin per quante sono le famose protuberanze del dolce, non può essere una semplice coincidenza. Stelle e Sise, insomma.

E chissà che non tocchi al numero uno della ristorazione italiana osare dove nessuno dei suoi titolati colleghi abruzzesi ha mai osato: mettere in una carta stellata il sacro (e al tempo stesso profano) impasto di dolcezze e morbidezze. Questo sì che sarebbe un miracolo.





Articoli correlati

  • Apperò il cine a GuardiagreleNov 5, 2018 Apperò il cine a Guardiagrele E mentre nelle grandi città chiudono per lasciare posto a banche e multistore e per andare al cinema bisogna prendere la macchina per raggiungere le multisala, ecco il miracolo di […]
  • Apperò Niko, il re dei reOtt 31, 2018 Apperò Niko, il re dei re Apperò Niko Romito, sei il re dei re. E hai cominciato così, dalla pasticceria di papà. Lui, un uomo solo al comando secondo la classifica dei migliori ristoranti d'Italia 2019 del Gambero […]
  • Silvia Borrelli, apperò che scoopSet 11, 2018 Silvia Borrelli, apperò che scoop E’ Silvia Borrelli, figlia del sindaco di Atessa e storico giornalista del Tg1 Giulio Borrelli, l’autrice del doppio scoop sul premier Giuseppe Conte. “Il presidente del consiglio […]
  • Apperò per tutti i gustiLug 2, 2018 Apperò per tutti i gusti Un cardinale per L'Aquila Apperò porporato per Giuseppe Petrocchi, arcivescovo dell'Aquila fresco di berretta ricevuta da Papa Francesco, che ieri ha celebrato a Collemaggio la prima […]