·Apperò il sindaco di Salle·

E l’Appèrò di oggi va a lui, Davide Morante, il giovane sindaco di Salle che ha fatto rimuovere la lapide di Mussolini dall’ingresso del Comune. Al suo posto una copia originale della Costituzione del 1947, per ricordare a tutti “che i valori della Costituzione per oltre 20 anni furono oppressi proprio dal fascismo”.

“In un luogo istituzionale, nel luogo della democrazia – ha spiegato il primo cittadino –  non ci può stare una lapide rimessa sei anni fa che ringrazia Benito Mussolini”.

Succede a Salle, 290 abitanti alle falde del Morrone: la lapide fu esposta dalla vecchia amministrazione sei anni fa dopo essere stata ritrovata in un magazzino.

ps: Apperò sindaco, che bel gesto.




Articoli correlati

  • Istituto Luciano2 Giugno 2016 Istituto Luciano Il passo delle immagini e' regolare, l'esposizione perfetta, ottima anche la definizione. E soprattutto c'è il colore. Per il resto enfasi, siglette, primi piani del capo, una certa […]
  • Rigopiano, fiction e realtà9 Febbraio 2017 Rigopiano, fiction e realtà E adesso Rigopiano diventa una fiction, perché la tragedia non ci mette niente a trasformarsi in business e perché prima ancora che diventi un business è stata già drammaticamente […]
  • Una fuoriserie a palazzo Silone22 Novembre 2015 Una fuoriserie a palazzo Silone Questo aggeggio e' parcheggiato da qualche mese nel cortile di palazzo Silone all'Aquila, sotto gli uffici della giunta regionale. Nessuno sa chi ce l'abbia messa. Fioccano […]
  • Maltauro, il no bocconiano16 Maggio 2017 Maltauro, il no bocconiano C’è un altro no, un no che pesa, un “no” autorevole al project financing Maltauro: è quello della consulente incaricata dalla Asl di Chieti, Veronica Vecchi, docente di Public management […]