·Apperò il re di Roma è pescarese·

Sul più romano di trionfi il timbro abruzzese di Eusebio Di Francesco. Più dei gol di Dzeko e Manolàs, più del rigore che ha riscattato De Rossi dallo svarione dell’andata. Più del video, immancabilmente virale, di Verdone che accarezza la capoccia marmorea di Nerone; più di Antonello Venditti che intona il suo inno a squarciagola. Più di tutto e più di tutti, è il ringhio a bordo campo del mister dagli occhiali di ghiaccio il frame che suggella l’impresa con il Barcellona.

Dagli appennini alle onde, è una delle rare volte in cui la regione dalle cento identità si ritrova unità dietro la medesima bandiera: e giù post con tutto il repertorio dell’orgoglio a buon mercato, dalla paella battuta dalla rostella al binomio sempre verde forza-gentilezza.  Apperò Eusebio: oggi tutti pazzi, tutti fan, tutti amici del pescarese, dell’abruzzese del momento. Anche quelli che il pallone percarità, giusto ogni quattro anni ai mondiali (quando ci andavamo); anche, e soprattutto, quelli che il Di Francesco giocatore e poi allenatore dalle tante casacche, con netta tendenza giallorossa, ha fino a ieri contrapposto nelle cento fazioni che solo il calcio sa produrre; anche, e soprattutto, quelli che nel 2009 a Lanciano avranno inneggiato all’esonero di Eusebio dalla panchina della Virtus oppure, due anni più tardi a Pescara, avranno applaudito al suo avvicendamento con il vate boemo Zeman.

Tanto per rimarcare, luogo comune per luogo comune, il rapporto mai risolto tra i profeti e le patrie. Ma dietro l’orgia dei like qualcosa di vero, e di serio, c’è: il coraggio un po’ folle (parole sue) di inventare in pochi giorni un modulo nuovo per ribaltare il pesante 4-1 della partita di andata, la consapevole assunzione di responsabilità (“in caso di sconfitta mi avrebbero crocefisso”), la generosità non affettata dopo l’impresa (“il merito è dei ragazzi”). Magari ricapiterà chissà quando, chissà dove, perché i miracoli sportivi accadono, ma se il qui e ora è frutto del genio e della sregolatezza di questo ragazzo di riviera alla soglia dei cinquanta qualcosa di vero, e di nostro, deve esserci. E assomiglia tanto a quel mix di coraggio, responsabilità, generosità che rende un po’ speciali gli abruzzesi quando fanno gli abruzzesi, rinunciando a prodursi in pessime imitazioni dei caratteri da commedia all’italiana: quanti politici, quanti imprenditori, quanta classe dirigente sarebbe pronta per il set. Apperò Eusebio: adesso, dopo tanti applausi e tanti like, imitiamolo pure.





Articoli correlati

  • Apperò Americo che grintanovembre 20, 2017 Apperò Americo che grinta Apperò Americo Di Benedetto, ci voleva lui per uscire da questo pantano di bulli, guitti, machiavellisti, celoduristi e celomorbidisti, di lacrime facili e convegni zerocontenuti. Da […]
  • Apperò la presidente che bacchettategennaio 29, 2018 Apperò la presidente che bacchettate Apperò la presidente. All’inaugurazione dell’anno giudiziario hanno fatto scalpore le parole pronunciate dalla presidente della Corte d'Appello dell'Aquila Fabrizia Francabandera sulle […]
  • La Regione lumacagiugno 28, 2016 La Regione lumaca La Regione è facile e veloce solo per chi viaggia in auto blu. L’Abruzzo da un anno a questa parte è lento, ma molto più lento per chi usa bus, treni, per chi combatte ogni giorno con […]
  • Appero’ Enrica, che bella vittorianovembre 27, 2017 Appero’ Enrica, che bella vittoria Apperò Enrica Sabatini, tre anni di lotte e di timori, e alla fine la verità: ha avuto ragione e non ha offeso nessuno quando ha detto che quella di Veronica Teodoro era una nomina frutto […]