·Apperò che bella legge, Maria·

Apperò Maria Amato, la pasionaria del Pd odiata dal Pd abruzzese e portata in palmo di mano da quello nazionale. Se il biotestamento è legge lo dobbiamo a lei, alla parlamentare di Vasto e primario radiologo. La Amato fa parte della XII commissione della Camera ed è membro del gruppo ristretto per la stesura del testo e prima firmataria degli articoli sulle disposizioni anticipate di trattamento (Dat).

“Mi sono avvicinata a questi temi da anni, anche con percorsi di conoscenza con Mina Welby, Beppino Englaro o giuristi come Stefano Canestrari, attraverso il dono della relazione con i malati”.

La legge si sviluppa intorno al delicato equilibrio tra il rapporto di fiducia medico-paziente e il diritto all’autodeterminazione dell’individuo. I punti nodali sono il consenso informato alle cure e le disposizioni anticipate di trattamento. Dignità nella morte, non eutanasia. L’articolo 3 sulle Dat porta la sua firma: è quello che definisce come trattamento sanitario la nutrizione e la idratazione artificiale e che introduce nel percorso di studi di medici, infermieri e psicologi le cure palliative e il fine vita. Un passo avanti per i diritti individuali.

“Ognuno, secondo le proprie convinzioni – spiega la Amato – potrà dire sì o no ai trattamenti, potrà scegliere di sospendere una cura anche se si tratta di idratazione o nutrizione artificiale. Si rafforza il diritto alla terapia del dolore, si contrasta l’abbandono terapeutico mettendo definitivamente al bando l’accanimento terapeutico. Una legge per quando la medicina non ha più la possibilità di guarire e che tuteli la richiesta di dignità nella morte”.

Apperò Maria Amato, che bella pagina che hai scritto. Quelle lacrime, le lacrime di gioia dei fratelli delle sorelle delle mamme e dei padri che hanno visto morire i propri figli senza speranza, quelle  lacrime e quella gioia al momento dell’approvazione della legge nell’aula del Senato, sono tutte per te.

ps: E sono il più bel riconoscimento che un parlamentare possa ottenere.




Articoli correlati

  • 29 Ottobre 2018 Apperò la Segre è in cattedra E’ la notizia più bella della settimana, una di quelle notizie che riappacificano col mondo e scaldano il cuore, in un’epoca buia di odio e di razzismo: la senatrice Liliana Segre […]
  • Apperò che bella la sposa del mare26 Novembre 2018 Apperò che bella la sposa del mare Succede sempre così, succede che la scopra prima il New York Times e che qui, invece, boh mai sentita prima (a parte qualche eccezione). Succede che si liquidi tutto con un’alzata di […]
  • Vasto, sanità al collasso22 Febbraio 2019 Vasto, sanità al collasso Li hanno lasciati senza medici e senza macchine. E’ una fotografia impietosa, paurosa e anche amara, quella che fa l’ex parlamentare Pd Maria Amato ora tornata al suo amato lavoro di […]
  • Apperò il giudice che stende la Merkel6 Novembre 2017 Apperò il giudice che stende la Merkel Chiunque abbia avuto a che fare con lei alla fine ci ha sbattuto il muso. Tutti ma proprio tutti i capi di governo europei, a cominciare da Berlusconi. Invece qui dall’Abruzzo, un giudice […]