·Apperò Americo, che gran rifiuto·

Trovatelo, uno che gli abbia detto no. Che gli abbia risposto picche.  Che bella lezione di stile, Americo Di Benedetto. E’ a lui, al candidato sindaco sconfitto del centrosinistra dell’Aquila, che spetta di diritto il primo “Apperò” della stagione: l’ex presidente della Gran Sasso Acqua era stato nominato dal governatore della Regione Abruzzo membro del collegio sindacale della Asl dell’Aquila, che è composto da tre membri e la cui nomina spetta una al comitato ristretto dei sindaci, una al ministero della Sanità e una, su base fiduciaria, alla Regione Abruzzo.
Ancora prima di verificare se la carica di membro del collegio sindacale fosse compatibile con quella di consigliere comunale, Americo ha però annunciato, con una breve nota pubblicata su Facebook, il suo rifiuto.

“Ringrazio il Presidente della Regione Abruzzo per la stima professionale manifestata nei miei confronti. La sua designazione nel prestigioso ruolo di controllo della Asl provinciale mi lusinga. Mi dispiace, ma con rammarico non posso accettare”, scrive Di Benedetto.

“Spero di non essere scortese. Ho un ruolo politico, quello che la città dell’Aquila ha ritenuto giusto assegnarmi, accettare sarebbe inopportuno. Lo sarebbe ancor più se nelle future competizioni elettorali, politiche e regionali, come credo che accadrà, sarò impegnato (indirettamente o in prima persona, vedremo…)”,

aggiunge, sottolineando di aver preso “sul serio” il ruolo di consigliere comunale di opposizione e presidente della Commissione consiliare Garanzia e controllo.

“Nel mio percorso di vita – specifica – ho sempre tenuto distinta la mia passione per la politica (di qualsiasi tipo, anche ordinistica) dalla mia attività professionale. È una questione di stile, non un semplice esercizio. L’etica politica e la deontologia professionale non si dichiarano, si praticano. Finita la mia esperienza di impegno pubblico avrò la mia professione, propria della sua specializzazione nel settore della pubblica amministrazione. Da quel momento concorrerò con i miei colleghi secondo i giusti principi di trasparenza e di rotazione. Per ora continuerò ad occuparmi degli altri, non di me stesso”.

Luciano D’Alfonso

“L’esempio fa la differenza, sempre!”, conclude Di Benedetto.

Insomma, si può pensare di tutto: che quell’incarico  Dalfy gliel’abbia dato a titolo risarcitorio (il governatore, in campagna elettorale, all’Aquila non si è visto mai), oppure per il suo profilo professionale, ma per qualsiasi ragione gliel’abbia data, lui gli ha risposto con una grande lezione di stile.
ps. Appero’, Americo Di Benedetto.




Articoli correlati

  • Apperò Americo che grintaNovembre 20, 2017 Apperò Americo che grinta Apperò Americo Di Benedetto, ci voleva lui per uscire da questo pantano di bulli, guitti, machiavellisti, celoduristi e celomorbidisti, di lacrime facili e convegni zerocontenuti. Da […]
  • Americo se ne va, il Pd rinvia ancoraLuglio 7, 2018 Americo se ne va, il Pd rinvia ancora Se n’è andato Americo Di Benedetto, portando con sé altri due esponenti del Pd aquilano, Emanuela Iorio e Antonio Nardantonio, se ne va elegantemente come sempre, anche se non gliele ha […]
  • Ecco la lettera per Rosso anticoLuglio 6, 2015 Ecco la lettera per Rosso antico Eccola pronta la poltrona per Rosso antico. Pronta già da venerdì scorso. Incarico di due mesi, tanto per non dare nell'occhio, ma rinnovabile. Tanto a fine agosto, con la gente e i […]
  • Ponte, il progetto è CanonicoOttobre 11, 2015 Ponte, il progetto è Canonico Detto fatto: mica stanno a pettinare le bambole. Quando si tratta di ponti, partono lancia in resta. La delibera è di ieri: il Comune di Pescara ha affidato l'incarico di progettazione per […]