·Aiuto, che botte·

C’è dell’altro. Molto altro, sennò non si spiega. L’avete letto tutti su Facebook l’attacco impazzito del governatore della Regione Abruzzo a Daniela Aiuto, europarlamentare cinquestelle (mix altamente alcolico, tanto per usare un termine caro al governatore: donna e cinquestelle, che lo fa uscire dai gangheri, senza metterci che lei è pure europarlamentare). Colpevole, secondo lui, di voler far chiudere l’aeroporto di Pescara per via di un’interrogazione presentata al Parlamento europeo.

E insomma: non erano neppure le dieci di sera di mercoledì 27 aprile quando Luciano D’Alfonso, non si sa se prima o dopo cena (l’orario, come nei delitti, non è ininfluente), ha pubblicato il suo post (e lo vedete qui sotto).

gior

Ma il bello arriva con i commenti (quindi è probabile che sia stato scritto dopo cena): un parlamentare europeo “casualmente eletto”, lui attacca così ma è solo l’aperitivo, poi invoca la nullità del mandato parlamentare per la Aiuto, e non è ancora niente. E poi il clou:

<Panfilo Gentile proporrebbe il confino e farebbe avanzare la proposta della democrazia dei migliori, mai più candidati a caso, per evitare gli eletti per caso>; e ancora: <Nel mio paese, Lettomanoppello, “misciacchie”, “comunista delle bombe” come amava definirsi, lo avrebbe riempito di parolacce dialettali. Cominciando con il sostenere: “che ce vo sciai, dallu zeru?”>.

Daniela Aiuto

Daniela Aiuto

Non la nomina mai, però offre l’identikit: il suo nome, suggerisce, coincide con un sostantivo. Sulla bacheca di Dalfy si affollano i commenti degli scondinzolatori e di qualche raro oppositore, giocano a indovina indovinello, ogni alzata di palla è buona per affondare: <Parlamentare da arredamento>, le dice. Minaccia di andare a Vasto, ingollarsi una bottiglia di Centerba Toro per poi dire <ciò che pensa>, perché forse il coraggio da sobrio gli manca.

Daniela Aiuto col bimbo al Parlamento

Daniela Aiuto col suo bimbo in Parlamento

Alla fine, e sono le 22.29, tira in ballo D’Annunzio che secondo lui avrebbe fatto ricorso

<a un liquido giallastro incredibilmente espressivo. Più o meno voleva rispondere così, “con l’urina”, a chi lo ricercava per fare numero in Parlamento, davanti al rischio di perdere il numero legale>.

L’apice del delirio. E si arriva a ieri: la Aiuto posta un tweet per dire che ha troppo da fare per rispondere, e lo farà con calma. Forse oggi, con una dichiarazione e un video di cui non si sa ancora niente.

tw

Ma c’è dell’altro. Non c’è solo la risposta della Commissione europea all’interrogazione della europarlamentare di Vasto resa pubblica proprio due giorni fa, che in pratica dice no, non sono classificabili come aiuti di Stato i finanziamenti della Regione alla Saga. Certo, la risposta a Dalfy gli fa gonfiare il petto, e gli dà l’assist per mazzolare la Aiuto.

Ieri è anche il turno dei risponditori automatici: prima convocano una conferenza stampa per oggi, poi lanciano un comunicato della Saga (che oltre a prendere i finanziamenti, qualche volta scrive pure) e un commento di Andrea Catena dello staff del presidente, quindi su Facebook attivano i condivisori, sempre automatici: nella foga si dimenticano che Catena è Catena e D’Alfonso è D’Alfonso (almeno sulla carta), e quindi postano lo stesso comunicato usando gli stessi aggettivi. La Aiuto diventa l’Onorevole <Ostacolo>, e giù gli strali: come si fa a mantenere in carica un parlamentare europeo, scrive D’Alfonso, in un momento in cui tutti gli abruzzesi lavorano e sperano di mantenere e potenziare le attività dello scalo abruzzese?

Luciano D'Alfonso

Luciano D’Alfonso

E insomma, la Aiuto ha soltanto chiesto conto dei finanziamenti alla Saga. Domanda che tra l’altro si è fatto anche qualche cittadino. Tutta questa violenza e volgarità non si spiega.

Ps: e poi, bisognava aspettare la risposta della Commissione europea per bastonare l’europarlamentare? La paura che potesse esserci un esito positivo li ha indotti a trattenere il fiato. Non è una bella prova di coraggio, proprio per niente.

Ps2: e ieri, come nulla fosse, la giunta ha stanziato altri 2 milioni e mezzo di fondi Par-Fsc alla Saga (Fiumicino ci fa un baffo).

Ps3: #dalfonsostaisereno, ad affossare l’aeroporto siete capaci anche da soli.




Articoli correlati

  • Aiutoooo!!!Aprile 30, 2016 Aiutoooo!!! Hanno continuato a giocare con i nomi, la Aiuto che non aiuta, e che affossa l'aeroporto, e che gioca contro la sua regione, e che ostacola il turismo, e che non doveva essere eletta,  lei […]
  • Una campagna a fior di pelleFebbraio 3, 2018 Una campagna a fior di pelle Lo scontro in aeroporto Nervi a fiori di pelle. Fa brutti scherzi la campagna elettorale a Luciano D’Alfonso, che all’aeroporto di Charleroi ha aggredito verbalmente la eurodeputata […]
  • Prendo il bus o prendo l’aereo?Ottobre 20, 2015 Prendo il bus o prendo l’aereo? O sceglie l'autobus o sceglie l'aereo. Anche perchè la coperta è corta e non basta per tutti. Ci sono in ballo cinque milioni di euro della Regione, e se li contendono la Saga guidata da […]
  • Asfalto & fanfareMarzo 9, 2017 Asfalto & fanfare Squilli di tromba, doppiopetti e schieramenti di ordinanza. L’Abruzzo è l’unica regione al mondo dove viene organizzata una conferenza stampa e pure in pompa magna per inaugurare non un […]