·Abruzzo, abruzzesi e rostelli·

Non solo le prese per i fondelli, quelle serie, riferite ai manifesti di Marco Marsilio, quelli per intenderci dove campeggia la scritta “Prima gli abruzzesi”. Abruzzesi quali? Lui, ribattezzato il console romano per il suo curriculum tutto laziocentrico (che, come ricorda il professor Enzo Di Salvatore, è nato a Roma, vive e lavora a Roma, è stato consigliere della I circoscrizione di Roma (dal 1993 al 1997), è stato eletto al Consiglio comunale di Roma (dal 1997 al 2008), è stato eletto alla Camera dei deputati nel 2008 nella circoscrizione Lazio 1, dal 2015 è coordinatore regionale di Fratelli d’Italia nel Lazio, è stato eletto al Senato della Repubblica nel 2018 nella circoscrizione Lazio 1), che si aggrappi a uno slogan così fa un po’ ridere tutti.

D’altronde, per restare in tema, pure Matteo Salvini, nel suo discorso di Montesilvano, una gaffe l’ha fatta:

“L’Abruzzo tornerà agli abruzzesi e non ai padrini e ai padroni romani”.

In  molti hanno fatto notare che forse è stato un lapsus freudiano, e che quindi in realtà si riferiva proprio a Marsilio (d’altronde, che la Lega parteggi per i Cinquestelle è un’ipotesi accreditata, confermata se possibile dalla freddezza del ministro dell’Interno proprio nei confronti del candidato Marsilio, che ha tenuto sui fuochi ardenti fino alla vigilia di Natale).

E a proposito di fuochi ardenti, braci e fornacelle, il povero Marsilio è finito in una gag di quelle che starebbero bene, anzi benissimo, sulla pagina dell’”Abruzzese fuori sede”: a novembre, già in odore di candidatura, cosa posta su Facebook? Proprio una fornacella, con gli arrosticini sì ma in un mix confuso di costolette e braciole. 

Ed è stato l’apriti cielo: un insulto all’Abruzzo, rimarcano gli oppositori a caccia di scivolate, e ogni giorno ne trovano una, perché ignorare il valore dell’arrosticino, che va cotto rigorosamente con la canalina e mai insieme alle altre carni, per gli abruzzesi è come insultare la mamma. Insomma, un elemento identitario, mica una cosa da mangiare e basta, così come viene. Haivoglia a dichiararsi abruzzese, di origine di nonni bisnonni e via antenateggiando: Marsilio in questa lotta impari è proprio perdente. “Atto di inaudita gravità” quello del rostello in mezzo alle costolette e sulla fornacella, sfottono i democratici.

ps: consigli per gli acquisti (elettorali). Potrebbe dire semplicemente: sono sempre stato a Roma, non mi sono  mai interessato dell’Abruzzo ma cercherò di essere un buon presidente (in caso di elezione).




Articoli correlati

  • Razzi, Trump e gli arrosticiniNovembre 10, 2016 Razzi, Trump e gli arrosticini Senatore, complimenti, gli fa Augusto Cantelmi. E via con l’ultima esilarante gag di Antonio Razzi (che andrà in onda domani su Quinta colonna: il video lo trovate qui sotto). E’ stato […]
  • Ma che bel rostelloSettembre 2, 2015 Ma che bel rostello Lei lo ha definito il “contest più glamour dell'estate” e il bello è che ci abbiamo abboccato. E ha abboccato anche il presidente della Regione Luciano D'Alfonso che davanti a un centinaio […]
  • Biondi scalpita: grandi manovre a destraOttobre 2, 2018 Biondi scalpita: grandi manovre a destra A tutti i costi. Scalpita tanto, tantissimo il sindaco dell’Aquila Pierluigi Biondi, completamente indifferente a chi gli dice che non è proprio corretto, che non sta bene, che non si fa, […]
  • Di Pillo, altroché se ci staiDicembre 6, 2018 Di Pillo, altroché se ci stai Sorvolando sull'apostrofo a cavolo (un'ego: un po' troppo per chi prende lo stipendio dal ministero dell'istruzione), veniamo al sodo. Anche Massimiliano Di Pillo, consigliere comunale di […]