·Un mare di libri per Anna Maria·

Ce l’abbiamo fatta. “Un libro sospeso”, chè nato dopo una chiacchierata tra Maperò e Marisa D’Alfonso della libreria Herzog di San Salvo, è diventato prima una bellissima gara di solidarietà e adesso un evento vero e proprio. Diceva Anna Maria, che alla sua età esce ancora in mare da sola, che le piace leggere e che però non sempre trova libri nuovi a Casalbordino, così le tocca leggere e rileggere quelli che ha, soprattutto Camilleri, la sua passione. Così ci è venuta l’idea del libro sospeso: regaliamoglieli noi i libri da leggere alla sposa del mare.

Anna Maria Verzino

Nessuno se l’aspettava, ma in tantissimi hanno voluto aderire, partecipare:  le librerie, i Maperopolisti, case editrici, tutti hanno voluto fare un regalo ad Anna Maria Verzino, la sposa del mare con la passione dei libri. 

E adesso, venerdì prossimo, glieli consegneremo. Un convegno, nell’aula magna dell’Istituto tecnico economico Spataro di Casalbordino, che si intitola “Un mare di parole, l’importanza del libro nell’era dei social: cosa ci insegna Anna Maria Verzino”, con la dirigente scolastica Aida Marrone, l’assessore al Turismo Alessandra D’Aurizio, la docente Alba Simigliani, il sociologo Orazio Di Stefano, il professor Savino Bucci, Marisa D’Alfonso della libreria Herzog e, naturalmente, la protagonista assoluta di questa iniziativa, Anna Maria Verzino.

Mapero’  deve ringraziare: Marisa D’Alfonso, bella e appassionata libraia e animatrice di mille iniziative culturali che ha ideato con me questa iniziativa. 

Alessandra D’Aurizio, mille volte: perché è stata lei a contattarmi e a propormi (e a organizzare, nei minimi particolari) questa cerimonia conclusiva. 

La libreria Feltrinelli di Pescara, che ha aderito subito all’iniziativa (in particolare Francesca Dell’Orso e Serena Visci)

La libreria De Luca di Chieti

Le librerie Ianni di Giulianova e il proprietario Maurizio Dattoli che in mancanza di locandine, ha provveduto a far conoscere l’evento. 

Arianna Ciamarone, della casa editrice Segmenti editore di Francavilla, che ha donato una copia di ogni volume pubblicato. 

Il Comune di Casalbordino

L’Istituto Spataro

Gli amici e i colleghi che hanno fatto da staffetta tra me e le librerie.

Gabriele Rossi, che ha fatto sì che l’iniziativa approdasse nella sua città, Giulianova.

Azzurra Marcozzi, che dalla sua radio ha parlato di “Un libro sospeso”

I lettori, gli amici e le amiche che hanno comprato un libro per la sposa del mare (e quelle che si sono fatte la foto: qui solo un assaggio).

Daniela Mammarella
Marisa D’Alfonso
Cristina Gerardis

E alla fine voglio ringraziare Anna Maria, ma questo lo farò di persona, venerdì.

Qui sotto il primo pezzo che Mapero’ ha scritto sulla sposa del mare.

·Apperò che bella la sposa del mare·

Succede sempre così, succede che la scopra prima il New York Times e che qui, invece, boh mai sentita prima (a parte qualche eccezione). Succede che si liquidi tutto con un’alzata di spalle, ma che sarà mai, la solita storia per gli emigrati d’America ai quali piace tanto l’Abruzzo tutto pecore e tagliatelle. Invece no. Poi la scoprono anche la Repubblica e tanti altri e allora la cosa si fa seria. Anzi, serissima. 

Anna Maria Verzino è una pescatrice in carne e ossa, e ha 83 anni e continua ad uscire in barca da sola, ed è vero talmente vero che è l’ultima pescatrice dell’Adriatico che per lei si sono accesi i riflettori dei giornali di tutto il mondo. E’ di Castel di Sangro ma vive a Casalbordino da sempre, ed è qui che la conoscono tutti e sono talmente abituati a lei che si meravigliano pure di tanta pubblicità. L’ha scoperta Annalisa Marchionna, fotografa di Castel di Sangro che ora vive a Milano (le foto pubblicate sono sue)

“Avevo 14 anni quando mio padre Donato una notte mi mandò da sola ritirare le nasse con le seppie-racconta Anna Maria – fin da piccolissima uscivo a pescare con lui, nessuno riusciva a fermarmi, ci alzavamo a notte fonda per buttare le reti, in quel silenzio assoluto c’eravamo soltanto noi, il buio che annuncia l’alba e le lampare dei pescherecci. Tornai con le seppie, remando da sola, vincendo la paura. “Adesso ti sei sposata con il mare” mi disse mio padre. E infatti io sono questo, una sposa del mare”.

Annamaria non si è mai sposata, forse proprio per non perdere la sua libertà, e vive con la famiglia del fratello e i nipoti, abituati a vedere l’anziana zia uscire tutte le mattine all’alba e tornare poi col suo pescato. E’ una delle ultime pescatrice italiane, tra le prime ad ottenere la patente nautica. Bella, come i vecchi marinai, la pelle cotta dal sole come una ragnatela e gli occhi azzurri.

“Ho dovuto aspettare che ci fosse la legge sulla parità dei sessi per diventare ufficialmente pescatore, con tanto di prova di nuoto. Mi ricordo che andai a Ortona accompagnata da mio fratello e l’ufficiale nemmeno mi guardava in faccia e parlava soltanto con lui. Perché non te ne stai a casa a fare la calza come tutte le donne, mi chiese e io risposi che la calza la facevo quando non guidavo la barca”.

Gloria, la sua barca, che tutti aspettano al ritorno dal giro di pesca. Per Anna Maria il mare è tutto, la sua vita, la sua libertà. Ed è grata al padre che le ha lasciato la possibilità di scegliere, che l’ha incoraggiata. 

E non è una pescatrice qualunque, Anna Maria, è una alla quale piace leggere, soprattutto Camilleri. Peccato però che a Casalbordino non ci sia una libreria e che i pochi libri si trovino solo in edicola.

“Qualche volta vado a Vasto, ma spesso finisco per rileggere i libri che ho”.

Ed è un peccato, e quanto sarebbe bello che qualcuno si organizzasse per farglieli avere i libri ad Anna Maria, per consentirle di leggere e di spaziare per altri mari. 

Una vita di ricordi e di sacrifici, la sua, di uscite in barca quando è ancora buio, quando in giro non c’è proprio nessuno. 

La sua paura, racconta, è solo una: quella di svegliarsi un giorno senza più la forza di andare per mare, senza poter mettere in acqua la sua barca Gloria.

“Non mi fanno paura le tempeste, noi pescatori il mare lo conosciamo e non lo sfidiamo. Ho le unghie che spezzano le reti, ne ho ricucito così tante. Temo soltanto il giorno in cui sarò troppo vecchia per navigare nella notte, con le stelle e il vento. Ma spero che quel giorno sia ancora lontano”.

Apperò Anna Maria, sposa del mare e ultima pescatrice dell’Adriatico, te lo auguriamo con tutto il cuore. Ti auguriamo ancora tante uscite in mare aperto e tanti libri da leggere. La copertina dell’Abruzzo sei tu.





Articoli correlati

  • “Con  la barca e i libri io viaggio”6 Febbraio 2019 “Con la barca e i libri io viaggio” Vai a fare la calza, piuttosto: massì la calza la può pure fare (e la fa),  ma intanto lei amava (e ama), il mare e voleva (e vuole), la libertà, e la libertà era (ed è), quel pezzo di […]
  • Apperò adesso tocca a voi14 Dicembre 2018 Apperò adesso tocca a voi Apperò adesso tocca a voi. Ve la ricordate la sposa del mare, la pescatrice di Casalbordino, l’ultima pescatrice dell’Adriatico e la prima donna a prendere la patente nautica? Anna Maria […]
  • Un libro sospeso, c’è anche Feltrinelli15 Dicembre 2018 Un libro sospeso, c’è anche Feltrinelli ·Apperò adesso tocca a voi· E c'è anche Feltrinelli: i Maperopolisti di Pescara adesso sanno dove andare per fare un regalo alla "sposa del mare". La campagna ideata da Mapero' e da […]
  • Apperò che bella la sposa del mare26 Novembre 2018 Apperò che bella la sposa del mare Succede sempre così, succede che la scopra prima il New York Times e che qui, invece, boh mai sentita prima (a parte qualche eccezione). Succede che si liquidi tutto con un’alzata di […]